Espositori 2015


Re-Coding Fashion

The key idea is to expose the results of a 10-day design and research workshop held in Tehran exploring the new computational design methods and techniques as tools for creative expression and design intelligence.
The workshop immerses students into computational design thinking and the exploration of the new design possibilities associated with and it seeks to create an inventive and collaborative environment in which the overlap
between architecture and fashion will be investigated. The students will equip themselves with tools and software needed to design and fabricate complex geometry in computational fashion design. Focusing on the use of generative systems and parametric modelling participants will create a ‘code-structured garment’ through materializing their ideas and employing computer-aided manufacturing tools.

It has been always precedent that design methodologies in each field flows over others. As so, appearing of Parametricism in architecture proposed tools and methods along with a distinctive aesthetic sense which can be implemented in other design disciplines. The research nature of workshop provides a laboratory atmosphere to test, study and observe material behaviour, fabrication techniques and digital tools as inspiration to devise novel designs in fashion. In this way there are additional challenges such as body dynamism that Parametricism has less chance to face with them in architectural discourses and they open a new field of possibilities.

Research in architecture and the design discipline must involve experimental and prototyping (including prototype testing). In graphic design and in fashion design there are no obstacles in enfolding experimentation and prototyping within the design process itself. In industrial design the design research is also enfolded within the design process, or it becomes part of a differentiated, dedicated R&D process that integrates design with engineering. However, research and design are nearly indistinguishable here.

WHY FASHION?
Fashion and Architecture are both based on basic life necessities – clothing and shelter. However, they are also forms of self-expression – for both creators and consumers. Fashion and architecture express ideas of personal, social and cultural identity, reflecting the concerns of the user and the ambition of the age. Their relationship is a symbiotic one and throughout history, clothing and buildings have echoed each other in form and appearance. This only seems natural as they not only share the primary function of providing shelter and protection for the body, but also because they both create space and volume out of flat, two-dimensional materials. While they have much in common, they are also intrinsically different – address the human scale, but the proportions, sizes and shapes differ enormously.

PHYSICAL AND DIGITAL
In this regard the main workshop focus is placed on two parts, the physical and the digital experiments working in a reciprocal process to benefit the most of each other. In the physical part, fabrication techniques and material behaviour will be investigated while in the digital part, simulation of physical experiments as well as computational concepts will be studied.

TECHNICAL BRIEF
In the early stages physical models and low-tech strategies will be used, allowing the participants to gain a greater understanding of materials, fabrication and assembly methods as well as simple, yet pragmatic structural solutions. Later these strategies will be digitalized and elaborated using software visualization tools such as Rhinoceros, T-Spline and the algorithmic plug-in Grasshopper. Finally, each projects will move to the fabrication part, using 3D printing or laser cutting and any other adequate and available CAM tool.





Il progetto sviluppato dai VMA si propone di raccogliere e presentare i risultati di un workshop della durata di 10 giorni che si terrà quest’estate a Teheran. Il tema è quello di esplorare nuovi metodi di progettazione e tecniche computazionali come strumenti per l'espressione creativa e di design intelligence nella fashion industry.
Il workshop immerge gli studenti in un design thinking computazionale esplorando nuove possibilità di design associato in un ambiente creativo e collaborativo in cui l’oggetto di indagine sarà la sovrapposizione tra architettura e moda. Gli studenti verranno dotati di strumenti e software necessari per progettare e fabbricare geometrie complesse mediante design computazionale concentrandosi sull'uso di sistemi generativi e partecipati di modellazione parametrica e impiegando strumenti di produzione assistita dal computer.

Da sempre le metodologie di progettazione in ogni campo hanno influssi le une sulle altre. Così come, l’apparizione del Parametricismo in architettura propone strumenti e metodi di modellazione dal distintivo senso estetico può essere implementata in altre discipline di progettazione. La natura della ricerca del workshop offre un ambiente adatto a testare, studiare e osservare il comportamento materiale, le tecniche di fabbricazione e gli strumenti digitali come fonte ispirazione per ideare un prodotto moda. In questo modo, ci sono sfide aggiuntive come il dinamismo del corpo che Parametricismo ha meno possibilità di affrontare in discorsi architettonici e aprono un nuovo campo di possibilità.

La ricerca in architettura e la disciplina del fashion design coinvolge il vasto mondo della prototipazione. Nella progettazione grafica e nel design della moda non ci sono ostacoli alla sperimentazione e prototipazione nell’ambito del processo della stessa progettazione. Nel design industriale la ricerca progettuale diventa parte di un processo differenziato, di ricerca e sviluppo dedicato a creare una simbiosi tra design e l'ingegneria. La ricerca e la progettazione si fondono creando geometrie e design unici.

PERCHE' LA MODA?
Moda e architettura sono entrambi basati su necessità di base della vita - vestiti e riparo. Tuttavia, essi sono anche forme di auto-espressione, sia per i creatori e che per I consumatori. Moda e architettura esprimono un’idea di identità personale, sociale e culturale, che riflette le necessità e esigenze degli utenti. La loro relazione è di tipo simbiotico e nel corso della storia, l'abbigliamento e gli edifici hanno fatto eco l'un l'altro in forma e aspetto. Non solo condividono la funzione primaria di riparo e protezione per il corpo, ma anche perché entrambi creano spazio e il volume di materiali piatti, bidimensionali. Mentre hanno molto in comune, sono anche intrinsecamente diverse nell’affrontare la scala umana, seppure proporzioni, forme e dimensioni siano diverse enormemente.
A questo proposito l'obiettivo principale workshop è orientate verso la duplice direzione: la sperimentazione digitale e la prototipazione. Nella parte fisica saranno studiate tecniche di fabbricazione e il comportamento del materiale.

SCHEDA TECNICA
Nelle prime fasi verranno utilizzati modelli fisici e strategie di low-tech, permettendo ai partecipanti di acquisire una maggiore comprensione dei materiali, fabbricazione e metodi di assemblaggio, nonché soluzioni strutturali semplici e pragmatiche. Più tardi queste strategie saranno digitalizzate ed elaborate mediante software come Rhinoceros, T-Spline e il plug-in Grasshopper algoritmica. Infine, ogni progetto si sposterà verso la parte di fabbricazione, utilizzando la stampa 3D o il taglio laser e qualsiasi altro strumento CAM adeguato e disponibile.


Iran, Islamic Republic Of


Re-Coding Fashion

[VMA] Vahid ESHRAGHI, Michela MUSTO, Arian HAKIMI NEJAD

Michela MUSTO

Michela Musto è un'artista , architetto e designer. Ha lavorato presso prestigiose firme dell’architettura italiana e internazionale, vantando collaborazioni con firme, come Foster + Partners e Pica Ciamarra Associati. Il suo coinvolgimento con il mondo dell'architettura vieni un profondo interesse di scienze computazionali e delle tecniche di prototipazione rapida. La sua carriera di stilista inizia dopo i suoi studi presso l' Architectural Association School di Londra. Ricercatrice nell’ambito del rapporto tra moda e morfogenetica, ha insegnato in Iran , Regno Unito e Italia. La creazione della sua prima collezione per la Maker Faire 2014 a Roma. Docente per l’evento Fashion through History, tenutosi presso l’Università La Sapienza di Roma. Art director dell'Académie d'art et musique di Napoli e curatrice delle sue mostre fotografiche, di arte e design.



Vahid ESHRAGHI

Vahid Eshraghi è un architetto e fotografo . Ha iniziato gli studi di architettura nel 2002 presso la Islamic Azad University di Teheran, Central Branch . Ha ottenuto insegnamenti relativi alla Tecnologia dell'Architettura presso l'Università di Teheran nel 2012. Nel marzo è invitato a partecipare al Master Design and Research Lab presso la AA School of Architecture nel 2013, dove ha lavorato con Patrik Schumacher come studente e ha presentato la sua tesi di ricerca sul design basato su ricerca parametrica semiologia . Ha iniziato la sua collaborazione con Zaha Hadid Architects nel 2013 fino al 2014, dove ha lavorato su diversi progetti come Macao Melco Crown Hotel & Casino. Nel 2014 fondò VEA Studio a Teheran e ha iniziato a praticare la metodologia di calcolo in altri campi d'arte come moda e mobili di design accanto dell'architettura. Da allora ha insegnato in numerosi workshop, come Parametric Fashion, relativo a nuovi modelli di design e fabbricazione. E' un fotografo di natura e nel 2007 è stato nominato del 10 Biennale Photo dell'Iran.


Arian HAKIMI NEJAD

Arian Hakimi Nejad è un architetto persiano, fotografo & pittore. Nel 2004 ha iniziato i suoi studi universitari in India (U di Pune - MMCA), nel 2006 ha continuato la sua ulteriore studi presso (U di Teheran - Facoltà di Belle Arti), da cui ha ricevuto il suo B.Arch. per il suo progetto di tesi (Museo persiano of Lost Arts) per questo, ha iniziato a praticare persiano in vetro dipinto per 2 anni, che alcuni dei suoi dipinti sono stati mostrati in 2 mostre a Teheran. Nel 2011 è venuto a Barcellona per continuare i suoi studi universitari a IaaC - UPC, durante la sua permanenza a IaaC, frequenta lo studio emergenti territori di Willy Muller & Maite Bravo 2011-12, e la sua ricerca verte sulle città del futuro (come in tempo reale i dati potrebbero influenzare la forma delle città), dove lui e Diana Nitreanu presentato il progetto per la tesi M.Arch io, una zona di ampliamento urbano di Barcellona, ​​dove gli edifici stessi sono rimodellati in relazione i diversi parametri dei dati. Nel 2012 ha continuato la sua ulteriore ricerca sulle case solari con Jordi Pagine che Ramon e Lluís Viu Rebés. Con il concetto di come l'intelligenza della forma architettonica di un edificio potrebbe influenzare l'efficienza energetica degli edifici. Il progetto è stato ben accolto come soluzione innovativa su come la trasformazione dei dati in matematica potrebbe ottimizzare la forma architettonica. Dal 2012, ha iniziato a collaborare con Laboratorul de Arhitectura e come istruttore principale Parametrica [Digi Fab scuola]. Sia da Bucharest, Romania. Ha diretto diversi workshop in diversi paesi. Attualmente sta lavorando a Zaha Hadid, dove conduce ricerche nei vari campi, come Bio digitale Architettura e Progettazione parametrica.


  N13 - TechBAGs, Re-Coding Fashion
 2015
Altri progetti nello stand

Back
 
Dati aggiornati il 29/09/2021 - 01.00.09