Espositori 2017


Waybration - Sistema di supporto alla navigazione per atleti non vedenti
Waybration - Sistema di supporto alla navigazione per atleti non vedenti

Waybration - Sistema di supporto alla navigazione per atleti non vedenti

Waybration consente ad atleti non vedenti o ipovedenti di praticare sport di navigazione come il SUP (Stand Up Paddle), il windsurf o la vela senza accompagnatore, grazie all'utilizzo di:
- una FCU low cost (Flight Control Unit - centralina di controllo per il volo, comunemente utilizzata nell'ambito dei sistemi autonomi e della robotica) dotata di magnetometro, IMU, e modulo GPS
- due cavigliere vibranti realizzate ad hoc, basate su scheda Arduino e connesse la FCU tramite moduli radio.
Il progetto utilizza un software per la pianificazione del percorso eseguito su pc o smartphone e del codice sviluppato ad hoc per il filtraggio del segnale e la comunicazione radio con le cavigliere.
L'utente compone il percorso di regata o di allenamento fissandone i waypoint e, una volta attivate le cavigliere, queste vibrano indicando all'atleta la direzione verso cui dirigersi.
Italy


Waybration - Sistema di supporto alla navigazione per atleti non vedenti

Roberto Colella, Antonio Petitti, Matteo Fanchini

Roberto Colella si laurea in Fisica nel 2003, con una tesi sui modelli matematici del sistema respiratorio e sul controllo della ventilazione artificiale. Dal 2003 al 2007 svolge attività di monitoraggio su contratti di grande rilievo per le pubbliche amministrazioni. Successivamente si occupa di bioinformatica, presso l'ISSIA (Istituto di Studi sui Sistemi Intelligenti per l'Automazione) del CNR e presso IBM Italia S.p.A., e di precursori sismici, gestendo l'acquisizione e la pubblicazione dei dati della rete INFREP (International Network for Frontier Research on Earthquake Precursors).
Attualmente partecipa alle attività del gruppo di robotica dell'ISSIA è resposabile delle piattaforme robotiche del laboratorio e si occupa di acquisizioni immagini da piattaforme volanti.

Antonio Petitti si laurea in Ingegneria dell'Automazione nel 2010 e consegue il dottorato in Ingegneria Elettrica e dell'Informazione nel 2015. Durante il dottorato, entra a far parte della scuola di alta formazione "Scuola Interpolitecnica di Dottorato" trascorrendo 1 mese presso il Max Planck Institute di Tuebingen, Germania, nel 2013 e 5 mesi presso il LAAS di Tolosa, Francia, nel 2014. A partire dal 2011, Antonio è un assegnista di ricerca presso l'Istituto di Studi sui Sistemi Intelligenti per l'Automazione del Consiglio Nazionale delle Ricerche.

Matteo Fanchini, laureato in fisioterapia, poliatleta non vedente, pratica sci nordico, biathlon e skiroll. Campione italiano di paratriathlon, istruttore di SUP e inventore del metodo “pagaia bianca” con cui insegna il SUP ad atleti con deficit visivo.




  D13 (pav. 6) - Roberto Colella, Antonio Petitti, Matteo Fanchini
 2017

Back
 
Dati aggiornati il 09/11/2021 - 11.51.35