Centraline LoRa basate su tecnologia open source per l'irrigazione di precisione in remoto
Centraline LoRa basate su tecnologia open source per l'irrigazione di precisione in remoto

Centraline LoRa basate su tecnologia open source per l'irrigazione di precisione in remoto

Centraline LoRa basate su tecnologia open source per l'irrigazione di precisione e la trafficabilità in campo da remoto. La centralina è alimentata con batteria e pannello solare; è dotata di sensori di umidità del suolo, temperatura del suolo, qualità dell'aria e pluviometro; trasmissione dati attraverso la tecnologia LoRaWan. Il sistema, attraverso un portale web dedicato, consente di monitorare i parametri misurati e consentire di operare delle decisioni basate su un modello previsionale addestrato con algoritmi di intelligenza artificiale. Il sistema consente di ottimizzare l'irrigazione in campo agricolo riducendo gli apporti idrici. Inoltre, il sistema può dare supporto all'agricoltore per quando può entrare in campo con macchine agricole (trafficabilità) per evitare il compattamento del suolo. Il sistema è stato sviluppato nell'ambito dei progetti Agridigit e Agri4.0 (PSR Trentino)
Italy


Centraline LoRa basate su tecnologia open source per l'irrigazione di precisione in remoto

Corrado Costa, Simone Vasta, Francesca Antonucci, Francesco Tocci

Corrado Costa nel 1998 ha conseguito una Laurea in Scienze Biologiche con lode e nel 2004 ha conseguito il Dottorato di Ricerca in Biologia Evoluzionistica ed Ecologia (XVI ciclo) presso l’Università degli Studi di Roma Tor Vergata. Dal 1999 al 2006 è vincitore di diverse Borse di Studio del Ministero delle Politiche Agricole presso il Dipartimento di Biologia Dell’Università di Roma Tor Vergata. Nel 2001 è Assistente Ingegnere presso il Monterey Bay Aquarium Research Institute (MBARI), Monterey – California (USA). Dal 2008 al 2010 è titolare di un Assegno di Ricerca presso l’Unità di ingegneria agraria del Consiglio per la Ricerca e la sperimentazione in Agricoltura (CRA-ING; Monterotondo). Dal 2010 è Ricercatore a tempo indeterminato presso il CREA-IT (Centro di ricerca Ingegneria e Trasformazioni agroalimentari). Dal 2009 al 2013 è stato Vice-Presidente della sezione VII “Tecnologie informatiche e della comunicazione” dell’associazione Italiana di Ingegneria Agraria (A.I.I.A.) e membro della European Society of Agricultural Engineers (EurAgEng), della C.I.G.R. (International Commission of Agricultural Engineering) e dei CIGR Working Groups on Image Analysis e Logistics. Dal 2017 ha conseguito l’Abilitazione Scientifica Nazionale da Professore Associato (II Fascia) in Ingegneria Agraria (AGR09 – 07C1). Coordinatore di un progetto nazionale, Responsabile Scientifico di un’unità operativa di un Progetto Europeo e di 7 progetti nazionali, Collaboratore in 5 progetti di ricerca internazionali e oltre 30 nazionali. Valutatore di progetti nazionali ed internazionali. Dall’A.A. 2003-2004 è Relatore di diverse tesi di laurea in Agraria, Scienze Biologiche e Scienze Naturali e cultore della materia in Biologia della Pesca ed Acquacoltura, Zoogeografia, Zoologia Evolutiva e Biologia Marina. Dal 2011 è Docente interno CREA e Docente per Master Universitari in materie concernenti la Statistica Applicata e l’Analisi d’Immagine. Responsabile e preposto del Laboratorio Sensoristica e Imaging del CRA-IT. Editorial Board Member di 5 riviste internazionali e dal 2006 reviewer per oltre 55 riviste internazionali con Impact Factor (IF). Vincitore del premio per la migliore ricerca pubblicata da personale CRA nell’anno 2011 e del “Highly cited research award in Aquacultural Engineering”. L’attività di ricerca, testimoniata da 4 brevetti, 285 pubblicazioni di cui 129 con Impact Factor (IF medio = 2.2) e 5 capitoli di libri internazionali [h-Index (ISI-JCR) = 29; g-index (ISI-JCR) = 40]


Stand C25 (pav. 3) - CREA

Back
 
Dati aggiornati il