Espositori 2020


Walking through the walls
Walking through the walls

Walking through the walls

Walking through the walls (video 40' VR 360 ° ambisonic) originates from an exploratory venture carried out by the artist and his team, namely a climb made across the north wall of an island in the Mediterranean Sea.
The intention is to challenge the digital navigator’s psychophysical endurance.
In this work the spectator becomes the protagonist of the climb, but he’s not given the possibility of controlling the progression. The player remains suspended between the sky and the sea on a rocky coast that geologically belongs to the African plate but politically to Europe. This virtual work generates meanings related to themes encompassing border geopolitics, manipulation of the information and the error intended as a gap between physical and altered reality.


The artwork Walking through the walls (40’ VR 360° ambisonic) by the artist Francesco Bertelé is the prelude of the project Hic sunt dracones - made in collaboration with the production house Recipient.Cc and curated by Chiara Pirozzi - part of the collection of the Madre Museum in Naples, and winner of the 4th edition of the Italian Council (2018), a competition conceived by the DGCC an organism of the Italian Ministry of Cultural Heritage, Activities and Tourism.


Climbers | Eros Scabbio, Remo Sorato - Video Production and Editing | MilkitFilm - Soundtrack | Bienoise - Sound Editing | Duccio Servi


Italy


Francesco Bertelé

Francesco Bertelé (1978) è artista visivo e muove la sua ricerca fra esplorazione ed esperienza.
Nel suo lavoro, la sperimentazione pratica si fonde alla teoria nel recupero di una relazione fra uomo e natura, sfidando limiti e concependo fusioni.
La sua produzione transmediale indaga le possibilità derivanti dai processi cognitivi e si realizza sovente in installazioni ambientali e interagenti in grado di restituire una esperienza complessa, spaziando dalle tecniche classiche alle più recenti tecnologie digitali.
Nei suoi ultimi progetti, l’artista ha analizzato gli effetti del virtuale sulla definizione dell’immaginario collettivo e le influenze dello stesso sulla percezione della realtà.
F.B. indaga i processi politici e sociali più urgenti, restituendo con la sua poetica delle opere visionarie frutto della sintesi fra dato collettivo ed esercizio personale.
F.B da alcuni anni lavora in sinergia con un network di professionisti, attraverso una metodologia mutuale di intelligenza collettiva, come ne è un esempio l’opera presentata a Maker Faire sviluppata con recipient.cc.


È direttore artistico di a2410.it, un bivacco culturale pensato per esistere nelle condizioni più estreme e progettato in termini di sostenibilità ambientale.
È stato l'ideatore di Carrozzeria Margot, casa di produzione d’arte.
È stato uno dei fondatori dell’Associazione culturale Mobeel [2005-2010, Venezia].



 Arts
  Francesco Bertelé
 2020

Back
 
Dati aggiornati il 13/12/2020 - 23.41.04