Eventi 2020

Scopri il programma di Maker Faire Rome 2020. Tutti gli eventi che puoi vivere gratuitamente



Strathosphereffect

Strathosphereffect è un progetto spaziale artistico che consiste nel mandare nella stratosfera una sonda, costruita per l'occasione con un pallone aereostatico ed un drone.
La sonda, equipaggiata di sensori e videocamere, contiene un software dotato di Intelligenza artificiale capace di captare le frequenze esterne per commutarle in suono per poi generare una melodia "astrale".
per il Make Faire è stato creato un video che descrive le variazioni sinfoniche della sonda in orbita ed è stata creata una piattaforma on line che contiene video, foto, 3d dello spazio tra fiction e realtà, tra scienza e arte.. www.strathosphereffect.com

Orari

Sabato 12 Dicembre

Dalle 16.00 alle 17.00 CET


Evento su digital.makerfaire.eu
Strathosphereffect

Valentino Catricalà

Valentino Catricalà è studioso e curatore d’arte contemporanea. Si è specializzato nell’analisi del rapporto degli artisti con le tecnologie e con i media. È vice-direttore della rivista VCS - Visual Culture Studies.

Donato Piccolo

La sua arte indaga vari fenomeni naturali ed emotivi, spesso utilizzando strumenti tecnologici e meccanici per creare le sue opere. Attraverso uno studio approfondito delle facoltà cognitive umane, l'arte di Piccolo analizza gli aspetti percettivi del mondo naturale. La sua opera d'arte indaga i fenomeni naturali, fisici, biologici e scientifici che sono alla base della vita, impiegando il loro aspetto emotivo come strumento. Per indurre un fenomeno di risonanza così peculiare, la maggior parte delle opere dell'artista combina due aspetti complementari e inseparabili: sono al tempo stesso sculture e macchine, forme e processi. Secondo Donato Piccolo, questo carattere ibrido costituisce la vera natura dell '«arte olistica»: un'arte la cui funzione essenziale è esplorare "il mistero incomprensibile del mondo visibile".

Donato Piccolo è uno degli artisti più notevoli della sua generazione, sia in Italia che sulla scena internazionale. Il suo lavoro è stato esposto in numerose gallerie e istituzioni nazionali e internazionali. Tra le sue principali mostre ricordiamo: Museo dell'Ermitage a San Pietroburgo, Museo Macro, Roma, Italia, Museo Stieglitz a San Pietroburgo, Media Art Center, NY, USA, Museo MAXXI, Roma Italia, XIII Biennale dell'Avana, Cuba, Museo dell'Accademia Arte, Eremo di San Pietroburg, russo; Museo di Cuba, Centro Desarollo, Festival dei due Mondi (2009, 2016), Spoleto italia; Museo Macro Roma; Fondazione Francès, Senlis, Francia; Museo Huyndai Beyond, Seoul; Museo Biedermann, Donauschingen, Germania; Museo Musma di Matera, Italia; Museo Georg-Kolbe, Berlino; Biennale internazionale di Venezia (2011, 2016); Fondazione Boghossian, Bruxelles, Belgio; Stadtgalerie Kiel; Space Gallery, Bratislava, Repubblica Ceca .; MACUF, Museo de Arte Contemporáneo Gas Natural Fenosa, La Coruña; Centro Saint-Benin, Aosta; Festival dei Due Mondi,, Spoleto, Italia; Wood Street Gallery, Pittsburgh, Stati Uniti Attualmente Donato Piccolo collabora con la Galleria Mazzoli, Modena-Berlino-Dusseldorf; Postmaster Gallery New York-Roma, Galerie Italienne, Parigi.

Altea Nemolato

Altea Renata Maria Nemolato was born in 1998 and is currently a student of Biological Sciences at Vanvitelli University in Caserta. Her passion for space comes from a small spark: passionate about fantasy/science books and movies like Star Trek, she begins to wonder what was really behind the multitude of stars that illuminate the earthly vault every night. The growing interest in microbiology began to bring her closer to the field of astrobiology, leading her to decide to pursue a future career in space research. In 2016 she participated, with the Radio-Shield project, in the international Lab2Moon competition, aimed at designing a scientific experiment that answered the question "How to create a better world on the Moon?". She won with Team Space4Life, after passing a selection among 3400 teams from 50 different countries. The subsequent development of the project allows her to start working in university laboratories and to get closer to the world of research, fuelling her passion for astrobiology. In 2017 she published two scientific papers, in collaboration with American researchers, thus becoming one of the youngest in the world to have published in a scientific journal. In the same year, she was invited to present the Radio-Shield project at Makerstown in Brussels. In 2018 she participated in the realization of the OrbiTecture project of the CNS and the IIF, taking care of the realization of a new concept of shield against cosmic radiation and the use of extremophiles in space research. In 2019 she creates a team with university students and researchers for the realization of a new project, ALTHAIR, aimed at deepening the research carried out with the Radio-Shield project. In May 2020, the project was accepted to participate in the 71st International Astronautical Congress. She has received some honors, such as a medal from the City of Naples for having obtained important achievements in the scientific field and the Terra Laboris Award in the Science and Technology section; also she has received the achievement of honorary member for numerous associations, including the International Lions Club Association.


Categoria Performance · Type Performance
Back