“Musicare” l’astronomia per renderla accessibile a persone cieche e ipovedenti

Audio versions of telescope images such as the Pillars of Creation (shown in this false-color composite image) make astronomy more accessible for people who are blind and visually impaired.

LA SONIFICAZIONE PUO’ RENDERE L’ASTRONOMIA PIÙ ACCESSIBILE A CHI SOFFRE DI DISABILITA’ VISIVe

La sonificazione dei dati abbatte le barriere al proseguimento della ricerca astronomica e può facilitare molte nuove scoperte

 

Adattamento da un articolo di Science News

 

Messe in musica, le osservazioni dal telescopio della Via Lattea creano una melodia tranquilla, scintillante di xilofono e note di pianoforte. Gli iconici Pilastri della Creazione nella Nebulosa dell’Aquila, nel frattempo, suonano come una inquietante colonna sonora di fantascienza. E il residuo di supernova Cassiopea A è una sinfonia travolgente.

Queste interpretazioni musicali, o sonificazioni, sono state rilasciate il 22 settembre dal Chandra X-ray Center della NASA. “L’ascolto dei dati offre alle persone un’altra dimensione per sperimentare l’universo”, afferma Matt Russo, astrofisico e musicista del progetto di divulgazione astronomica SYSTEM Sounds di Toronto.

La sonificazione può rendere le meraviglie cosmiche più accessibili alle persone con cecità o disabilità visive e integrare le immagini e i contenuti disponibili per gli studenti normo-vedenti. SYSTEM Sounds ha collaborato con Kimberly Arcand, uno scienziato della visualizzazione presso l’Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics di Cambridge, Massachussets, per creare i nuovi pezzi.

Christine Malec, musicista e appassionata di astronomia cieca, ricorda vividamente la prima sonificazione che abbia mai sentito: una resa del sistema planetario TRAPPIST-1 che Russo ha suonato durante uno spettacolo al planetario a Toronto. “Avevo la pelle d’oca, perché mi sentivo come se avessi una debole impressione di come ci si sente a percepire il cielo notturno, o un fenomeno cosmologico“, dice. La musica offre ai dati “una qualità spaziale che hanno i fenomeni astronomici, ma che le parole non riescono a trasmettere“.

 

Audio versions of telescope images such as the Pillars of Creation (shown in this false-color composite image) make astronomy more accessible for people who are blind and visually impaired.
 Le versioni audio delle immagini dei telescopi come i Pilastri della Creazione (mostrati in questa immagine composita in falsi colori) rendono l’astronomia più accessibile per le persone non vedenti e ipovedenti [RAGGI X: CXC / NASA, INAF, M. GUARCELLO ET AL; OTTICA: NASA, STSCI}

Sonificazione delle immagini

Le nuove interpretazioni combinano i dati di più telescopi sintonizzati su diversi tipi di luce. La sonificazione di un’immagine del centro della Via Lattea, ad esempio, include osservazioni dall’osservatorio a Chandra X-ray, immagini ottiche dal telescopio spaziale Hubble e osservazioni a infrarossi dal telescopio spaziale Spitzer. Gli utenti possono ascoltare i dati da ogni telescopio da solo o dal trio in armonia.

 

 

Mentre un cursore scorre da sinistra a destra sull’immagine del centro galattico, mostrando una distesa di 400 anni luce, le osservazioni di Chandra X-ray, riprodotte sullo xilofono, tracciano filamenti di gas superhot. Le osservazioni di Hubble sul violino evidenziano sacche di formazione stellare e le note di pianoforte di Spitzer illuminano nuvole di gas e polvere a infrarossi. Le sorgenti luminose nella parte superiore dell’immagine vengono riprodotte a toni più alti e gli oggetti più luminosi vengono riprodotti più forte. La canzone si sviluppa intorno a una regione luminosa nell’angolo inferiore destro dell’immagine, dove gas e polvere incandescenti avvolgono il buco nero supermassiccio della galassia.

La sovrapposizione degli strumenti l’uno sull’altro conferisce alle osservazioni un elemento di consistenza, dice Malec. “Ha attirato il mio senso musicale, perché è stato fatto in modo armonioso – non era discordante.” “Volevamo creare un output che non fosse solo scientificamente accurato, ma, si spera, anche piacevole da ascoltare”, afferma Arcand. “Era questione di assicurarsi che gli strumenti suonassero insieme in sinfonia.”

 

I suoni discordanti possono essere educativi

Ma i suoni discordanti possono anche essere educativi, dice Malec. Indica la nuova sonificazione del residuo di supernova Cassiopea A: La sonificazione traccia elementi chimici attraverso questo grande “pennacchio” di detriti celesti usando note suonate su strumenti a corda.  Quelle note creano una bella armonia, ma possono essere difficili da distinguere, dice Malec. “Avrei scelto strumenti molto diversi” per rendere più facile seguire l’orecchio – forse un violino accoppiato con una tromba o un organo.

Sebbene la sonificazione sia uno strumento prezioso per attirare l’interesse del pubblico all’astronomia, ha anche un potenziale inutilizzato per aiutare gli astronomi professionisti ad analizzare i dati, afferma Wanda Díaz-Merced, astronomo che è anche all’Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics ma non è stato coinvolto in il progetto.

 

Un fantastico add-on per astronomi ipo o non-vedenti

Gli astronomi, incluso Díaz-Merced, che è cieco, hanno utilizzato le sonificazioni per studiare le stelle, il vento solare e i raggi cosmici. E negli esperimenti, Díaz-Merced ha dimostrato che gli astronomi vedenti possono individuare meglio i segnali nei set di dati analizzando insieme le informazioni audio e visive piuttosto che fare affidamento sulla sola visione.

Tuttavia, gli sforzi per sonificare i set di dati astronomici per la ricerca sono stati rari. Rendere la sonificazione dei dati un metodo di ricerca tradizionale non solo abbatterebbe le barriere al proseguimento della ricerca astronomica, ma potrebbe anche portare a molte nuove scoperte, afferma.


 

Maker Faire Rome – The European Edition si impegna da ben otto edizioni a rendere l’innovazione accessibile e fruibile con l’obiettivo di non lasciare indietro nessuno offrendo contenuti e informazioni in un blog sempre aggiornato e ricco di opportunità per curiosi, maker, startup e aziende che vogliono arricchire le proprie conoscenze ed espandere il proprio business, in Italia e all’estero.

Seguici, iscriviti alla nostra newsletter:ti forniremo solo le informazioni giuste per approfondire i temi di tuo interesse.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Maker Faire Rome 2020 Partner

Promosso e organizzato da

Con il supporto di

In collaborazione con

Con il patrocinio di

In partnership con

MAIN PARTNER

GOLD PARTNER

BRONZE PARTNER

FAN PARTNER

MAIN MEDIA PARTNER

MAIN MEDIA PARTNER PRESS & DIGITAL

MEDIA PARTNER

CONTENT PARTNER

© 2020 Maker Faire Rome - The European Edition
Innova Camera - Azienda Speciale della Camera di Commercio di Roma - P.IVA e C.F 10203811004 - www.innovacamera.it
Privacy policy