An event powered by
Cerca
Close this search box.

L’Internet of Things a Maker Faire Rome 2022

Prodotti e servizi “intelligenti” realizzati da maker e aziende

Alla decima edizione di Maker Faire Rome sono stati tanti i protagonisti che hanno presentato progetti basati sulle tecnologie IoT

 

Gli oggetti di oggi sono intelligenti. Con questa affermazione non ci riferiamo solo a dispositivi tecnologici come computer, smartphone e tablet, ma anche agli oggetti più semplici presenti nelle nostre case, in ufficio, nelle nostre auto o in città.

“Cose” con cui interagiamo nella quotidianità che entrano a far parte del mondo digitale grazie all’Internet of Things. Il termine indica una rete di oggetti fisici, dotati di sensori, software e altre tecnologie integrate, che permettono di connettere e scambiare dati con altri apparecchi e sistemi attraverso Internet.

Fino a pochi anni fa, era impensabile regolare l’illuminazione o la temperatura della propria abitazione, accendere elettrodomestici o spostare mobili da remoto o con il solo uso della voce. Oppure pensiamo ai sistemi avanzati di assistenza alla guida, che si avvalgono della tecnologia IoT per aiutare gli automobilisti a evitare incidenti, pianificare itinerari, o a parcheggiare.

L’Internet of Things ha permesso anche alle città di diventare intelligenti e di conseguenza anche più sostenibili ed efficienti: i dispositivi IoT possono infatti generare grandi volumi di dati in tempo reale, che vengono poi raccolti e gestiti per ottimizzare beni e servizi per la comunità.

Questi sono solo alcuni esempi, ma gli ambiti di applicazione sono potenzialmente infiniti. Anche a Maker Faire Rome 2022 sono stati tanti i protagonisti che hanno realizzato prodotti e servizi intelligenti in grado di spostare mobili con il solo uso della voce, salvaguardare le spiagge e regolare i flussi di turisti, monitorare in modo attivo le celle frigorifere riducendo tempistiche di gestione e consumi, o sfruttare la luce dei lampioni per gestire in modo responsabile i consumi energetici.

 

SOF’ up – Move your furniture with your voice

La tecnologia è diventata parte integrante della nostra quotidianità e gli oggetti connessi stanno trasformando le nostre abitazioni, quasi a renderle umane. Case in grado di interagire con chi ci abita, che ascoltano e che sbrigano al posto nostro le faccende domestiche.

Cavalcando questo trend delle smart home l’azienda SOF’up ha ideato un kit che permette di sollevare, spostare e riposizionare gli arredi di casa grazie a semplici comandi vocali, dando il via a una nuova era, quella dell’arredamento dinamico.

Il Kit è già stato installato su diversi tipi di arredo, tra cui divani, chaise longue, mobili contenitore, comò ed altro ancora.

Una nuova esperienza interattiva che non richiede alcuno sforzo fisico e che aumenterà il piacere di vivere la propria casa, agevolando enormemente la pulizia del proprio appartamento.

 

Playa libre

Playa Libre è un sistema IoT autonomo, realizzato dall’azienda Hedya, che consente di raggiungere due principali obiettivi. Permette in primis di veicolare il flusso turistico su spiagge meno affollate rispetto ad altre, in modo tale da limitare i danni di erosione dell’arenile, garantendo anche un’esperienza più soddisfacente per i turisti che si trovano sulla spiaggia.

Dall’altra, rappresenta uno strumento utile per le PA, capace di fornire in tempo reale informazioni sullo stato del litorale. Inoltre, Playa Libre contribuisce a migliorare la consapevolezza dei cittadini su aspetti ambientali e sulla necessità di una conservazione ottimale delle risorse naturali.

Playa Libre dispone di stazioni a terra, solitamente installate su un palo, con annesso un sistema fotovoltaico, con un set di sensori meteo e una webcam. I dati acquisiti vengono trasmessi (su rete mobile, LPWAN, WiFi) ad una piattaforma cloud che implementa il Social IoT. Il sistema interagisce con gli utenti tramite un’app e, sulla base delle preferenze dell’utente e le caratteristiche delle spiagge (come la presenza di servizi o il grado di ventosità in tempo reale) suggerisce la destinazione migliore fornendo anche l’itinerario ottimale e le tempistiche del viaggio.

 

REFRI: il controller intelligente per il monitoraggio attivo delle celle frigo

Un dispositivo intelligente che, attraverso speciali sensori, rileva la temperatura e l’umidità di una cella frigo industriale e ne governa i controlli. Il pannello touchscreen di cui è dotato Refri ne rende anche semplice, pratico ed intuitivo l’utilizzo.

Attraverso una piattaforma IoT e un’app dedicata, Refri segnala in tempo reale log giornalieri, allarmi o malfunzionamenti, ed ha un duplice vantaggio: per il cliente, perché riduce i danni dovuti alla perdita di materie deperibili, e per l’installatore, perché permette una rapida diagnosi e interventi da remoto, a costi ridotti, rilevando il possibile guasto in breve tempo.

Oltre a questo, il controller intelligente riducendo fortemente lo spreco alimentare, contribuendo a diminuire l’impatto negativo delle celle frigo sull’ambiente.

Il progetto è stato realizzato dal maker Antonio D’Antuono che da sempre lavora come sviluppatore di software e che ha da poco avviato una piccola azienda che cerca sempre nuovi investitori per sviluppare progetti innovativi, proprio come quest’ultimo presentato durante Maker Faire Rome 2022.

 

Nextlight – Powered by NEXTON

Una soluzione tecnologica IoT, ideata da NEXTON, che trasforma le reti di illuminazione in un’infrastruttura intelligente, aprendo nuove opportunità per l’illuminazione.

Il progetto è il risultato di un’efficace combinazione hardware e software e permette di monitorare, tracciare e controllare a distanza i lampioni, ottenendo anche i dati relativi ai consumi energetici in tempo reale. Nextlight è compatibile con le lampade di rete a LED esistenti ed è costituito da hardware integrato con tecnologie IoT e sistemi di comunicazione all’avanguardia.

I sensori presenti all’interno della parte hardware, consentono al sistema di autoadattarsi alle esigenze in termini di energia, favorendo un elevato risparmio energetico, fino al 70%.

Attraverso il software dashboard NEXTON, i dati vengono raccolti e organizzati in output visivi di facile lettura e quelli sui consumi energetici vengono tradotti in report periodici. In questo modo, contando anche sull’elevata affidabilità delle soluzioni LED, con Nextlight sarà possibile risparmiare indirettamente anche sulla manutenzione sviluppando piani di manutenzione predittiva.

 


 

Maker Faire Rome – The European Edition, promossa dalla Camera di Commercio di Roma, si impegna fin dalla sua prima edizione a rendere l’innovazione accessibile e fruibile, offrendo contenuti e informazioni in un blog sempre aggiornato e ricco di opportunità per curiosi, maker,, Pmi e aziende che vogliono arricchire le proprie conoscenze ed espandere la propria attività, in Italia e all’estero.

Seguici, iscriviti alla nostra newsletter: ti forniremo solo le informazioni giuste per approfondire i temi di tuo interesse.