An event powered by
Cerca
Close this search box.

Maker Faire Rome 2021, cronache dal Main Stage | Unicredit Start Lab

Tanti progetti, protagonisti di livello, ma anche i grandi temi dell’innovazione. Sul Main Stage, il cuore pulsante di Maker Faire Rome, questa mattina si è parlato anche di startup. Al panel, intitolato “Unicredit Start Lab per le giovani imprese”, è intervenuta Sabrina Boifava, di UniCredit Start Lab, l’iniziativa nata per sostenere i giovani imprenditori, l’innovazione e le nuove tecnologie. «UniCredit Start Lab è la piattaforma di business di Unicredit» ha spiegato Boifava, che ha ricordato come l’interesse per l’innovazione e gli innovatori di Unicredit risale a molti anni fa «in tempi non sospetti, quando il termine startup in Italia» non era affatto diffuso. Il programma si rivolge alle startup innovative di tutti i settori con un programma che si articola in numerose azioni per dare forza alle idee imprenditoriali, tra le quali l’assegnazione di un premio in denaro, attività di mentoring, di sviluppo del network, training manageriale avanzato e servizi bancari ad hoc. «Il progetto di Unicredit  è lo sviluppo di un altro progetto: Talento delle Idee, che risale al 2009, poi diventato nel 2014 Unicredit Start Lab». Al momento sono 400 le startup nel portfolio dell’iniziativa.

Sabrina Boifava, Unicredit Start Lab

Il programma . Le startup che Unicredit Start Lab cerca «sono legate alla sostenibilità, al Made in Italy (food, moda, design, turismo, ma anche robotica, industry), all’IoT, al software, alle smart city». Boifava ha ricordato la call for startup annuale, il bando con cui i progetti innovativi possono candidarsi. «Una volta selezionati i progetti –  circa una decina –  inizieranno il loro percorso» che vuole aiutare le startup a fare impresa, mettere i progetti in connessione con le grandi aziende e i professionisti dell’innovazione («al momento i nostri mentor sono circa 60»).