Maker Faire Rome 2021 | I 6 progetti finalisti di Make to Care di Sanofi

MAKE to CARE è un contest ha una missione: far emergere e facilitare la realizzazione, nonché la diffusione, di soluzioni innovative e utili ad incontrare i bisogni reali delle persone affette da qualunque forma di disabilità, intesa come qualsiasi diminuzione marcata della qualità della vita a causa di patologie e eventi traumatici. Il contest è promosso da Sanofi«Maker startup e innovatori riescono concretizzare soluzioni per le persone affette da disabilità» aveva Filippo Cipriani di Sanofi sul Main Stage nei giorni della Maker Faire Rome 2021. Erano 11 i  progetti arrivati in finale. 

Ora quegli 11 progetti sono diventati sei. La premiazione si terrà il 27 ottobre sui canali FB e IG di Sanofi   

Make to Care

 

AbleUpp è un sistema costituito da un bastone smart e un percorso tattile-plantare-vocale capace di guidare le persone non vedenti, fornendo anche informazioni sui servizi presenti lungo il percorso.

 

AbleUpp 1 - Progetto Make To Care

 

Il sistema si inserisce all’interno di un progetto più ampio di paese accessibile, finalizzato a rendere accogliente e barriere-free il borgo di Monteverde, centro di 770 abitanti, eliminando la distinzione stessa fra disabili e normodotati. Autore del progetto: Comune di Monteverde.

Camera Libera Tutti nasce dal bisogno di sopperire alla carenza di strutture sufficientemente inclusive. Un team progettuale ha lavorato allo sviluppo di soluzioni di arredo, dispositivi e sistemi per rendere maggiormente accessibili le strutture ricettive e turistiche. 

 

camera libera tutti 1

 

Il risultato è un Welcome Kit composto da dieci oggetti indispensabili che, seppur apparentemente semplici, aumentano sensibilmente la qualità del soggiorno, abbattendo le differenze tra alloggi riservati a persone disabili e quelli destinati a turisti normodotati. Autore del progetto: Fab Lab Parma (con supporto di Hackability).

DoMoMea è un sistema semi automatizzato di tele-riabilitazione domiciliare a basso costo pensato per pazienti affetti da disabilità neuromotoria lieve o moderata a seguito di ictus cerebrale. Sfrutta sensori indossabili inerziali e di pressione per l’analisi quantitativa del movimento del soggetto durante l’esercizio riabilitativo, fornendo feedback di vario tipo (visivi, uditivi e vibrotattili).

 

Domomea 1

 

Il paziente è coinvolto nel processo di riabilitazione grazie a interfacce semplici implementate su TV o tablet, che garantiscono una maggiore partecipazione. Il sistema mira ad affiancare i convenzionali sistemi di riabilitazione, coadiuvando il Sistema Sanitario Nazionale nel fornire a tutti un equo accesso ai servizi sanitario. Autore del progetto: Università di Cagliari e Università di Sassari.

Make to Care

 

Kimap è un dispositivo tecnologico composto da due app per smartphone (una di navigazione e una di mappatura dell’accessibilità) per facilitare gli spostamenti di chi si muove in sedia a rotelle riducendo le barriere informative sulla percorribilità di strade ed edifici.

 

Kimap

 

Alla base delle due app, una tecnologia sviluppata da Kinoa, che utilizza i sensori dello smartphone e appositi algoritmi di machine learning per rilevare le condizioni delle strade percorse e permettere di georeferenziare le loro condizioni di percorribilità, facilitando il costante aggiornamento dei dati di navigazione e la loro condivisione nella community degli utenti. Autore del progetto: Kinoa Srl.

SwimAble è un ausilio pensato per bambini affetti da agenesia o amputazione degli arti superiori, per facilitare l’approccio agli sport acquatici e le attività riabilitative in acqua. Il progetto è nato da un’idea di Piera Losciale, volontaria E-nable Italia, Associazione italiana per bambini e famiglie con agenesia, amputazione e malformazioni arti, nata come aggregazione spontanea di genitori e famiglie che condividono le stesse esperienze. 

 

 

Realizzato in stampa 3D e integrato nel costume, consente di bilanciare la spinta corporea in acqua quando si pratica nuoto libero o attività riabilitative (quali idrokinesiterapia) volte al potenziamento della muscolatura dell’arto residuale e/o al riequilibrio fisico della postura del bambino. Autore del progetto: Piera Losciale + E-nable – Energy Family Project.

YUP! Your unique power è un Kit di prodotti smart pensati per i bambini (6-9 anni) che soffrono di rinite allergica. Un rituale semplice e divertente per somministrare la terapia correttamente e senza la presenza di un adulto sfruttando semplicemente il rubinetto del bagno. 

 

Make to Care

 

Grazie ad un’APP dedicata i genitori possono verificare la costanza della terapia, condividere informazioni con il medico e ricevere suggerimenti su come agire. Autore del progetto: Gianluca Micheli, Maria Vittoria Modugno e Ilaria Todeschini.

 

LEGGI ANCHE: MAKER FAIRE ROME, CRONACHE DAL MAIN STAGE | MAKE TO CARE

LEGGI ANCHE: A MFR 2021 LA SESTA EDIZIONE DEL CONTEST MAKE TO CARE!

Make to Care Filippo Cipriani

 

LEGGI ANCHE: “Vi racconto com’è nato Make to Care”. Intervista a Fabio Gorrasi

 

LEGGI ANCHE: «Io, maker e scrittore, vi racconto la Packaging Valley del 2064»