Tickets coming soon
An event powered by
Cerca
Close this search box.

Pi-POP la  bicicletta elettrica senza batteria è possibile.

 Pi-Pop è una bicicletta rivoluzionaria senza batterie né ricarica, che sfrutta il principio della dinamo. Alimentata da supercondensatori, offre un’autonomia illimitata e un’impronta ecologica ridotta.

 

Una bici elettrica senza batteria? Seriamente Sì, il mondo della bici non smette mai di evolversi. Di recente, l’azienda francese STEE ha lanciato Pi-POP, un modello innovativo, ultra pratico ed ecologico. I ciclisti si lamentano spesso dell’autonomia del proprio veicolo e della necessità di ricaricarlo regolarmente: ora esiste un’alternativa alle biciclette elettriche convenzionali.

Le particolarità 

Pi-pop, la prima bici elettrica senza batteria, è stata realizzata da un’azienda di elettronica con sede a Olivet, nel dipartimento del Loiret nella regione Centre Val-de-Loire. Assume l’aspetto e le caratteristiche della classica bicicletta elettrica a pedalata assistita, solo che non è dotata di batteria e non necessita di ricarica.

Questa nuova bici, infatti, è dotata di supercondensatori in grado di immagazzinare l’energia dello sforzo prodotto dal suo utilizzatore, per poi restituirla sotto forma di assistenza elettrica. Così, più il ciclista pedala, più il Pi-pop può percorrere diversi chilometri.

Cosa sono i supercondensatori Pi-POP?

La bicicletta Pi-POP è alimentata da “supercondensatori” che forniscono una fonte di energia ecologica e sostenibile.Il sistema di supercondensatori è in realtà un sistema energetico efficiente che consente di ricaricare e scaricare l’energia accumulata in modo ultraveloce.

L’autonomia di questa bicicletta elettrica è illimitata, il che significa che può essere utilizzata senza preoccuparsi di ricaricare la batteria. Con una velocità massima di 25 km/h in modalità assistita, la Pi-POP offre un’esperienza di guida piacevole e pratica. 

Come si ricarica 

Su una bicicletta elettrica convenzionale, le batterie si caricano collegandosi alla rete elettrica. Sulla Pi-POP, l’utente accumula energia mentre pedala, caricando così le batterie.
In pratica, si fa il pieno di energia quando si è in pianura o in discesa, e le batterie la restituiscono quando il terreno diventa più difficile.

Per accelerare, bisogna effettivamente spendersi un po’ di più sui pedali. E lo stesso vale per le colline o le grandi salite. L’immagine sotto mostra la quantità di energia necessaria per muoversi si terreni e pendenze diverse:

 

PI-Pop
foto: Pi-Pop
PI-Pop
foto: Pi-Pop

In questo modo, è possibile terminare un giro tornando al punto di partenza con la stessa quantità di energia presente all’inizio. Il numero di ricariche è virtualmente illimitato, poiché la ricarica non è elettrica. L’azienda sostiene che il Pi-POP può essere ricaricata diverse centinaia di migliaia di volte.

I vantaggi della bici elettrica senza batteria

Il primo vantaggio della bici elettrica senza batteria è il suo peso. Pesa solo 20 kg. Quindi è più facile pedalare, spostarsi e trasportarla. Questo modello di bicicletta consente inoltre di risparmiare molto tempo e denaro. Non è necessario ricaricarlo, né recarsi in una stazione di servizio per collegare il cavo. Basta pedalare.

Inoltre, l’e-bike senza batteria non consuma né carburante né elettricità. Non ha componenti che contengono terre rare e non emette gas inquinanti. Pertanto, può quindi essere considerato un veicolo verde ed ecologico. Permette di fare un piccolo gesto per l’ambiente, viste le sue caratteristiche ecologiche.

L’altro vantaggio della bici elettrica senza batteria sono anche le sue prestazioni. Può soddisfare perfettamente le esigenze dei ciclisti, poiché basta adattare il ritmo della pedalata per ottenere la velocità necessaria. Per accelerare, devi effettivamente premere un po’ di più sui pedali. E lo stesso vale per le colline o le grandi salite.

Inoltre, a differenza delle batterie tradizionali, i supercondensatori non sono inquinanti. I supercondensatori sono realizzati con materiali di uso comune come alluminio, carbonio, cellulosa e polimeri. Ciò li rende relativamente facili da trattare per ridurre l’impronta ecologica. Esistono già canali di riciclaggio per questo tipo di componenti.

Con una durata stimata di 15 anni, questa bicicletta è progettata per durare nel tempo e ridurre l’impatto ambientale. Inoltre, è completamente riciclabile e contribuisce a un approccio più rispettoso dell’ambiente. 

Nessuno svantaggio? 

Beh, in effetti uno c’è: quando non vengono utilizzati, i super-condensatori hanno la capacità di scaricare la batteria. I super-condensatori hanno un elevato tasso di autoscarica quando sono completamente carichi al 100%. Ma potremmo anche vedere questo svantaggio come un incentivo ad usare la bicicletta in modo regolare e per ogni spostamento!

PI-Pop
toto: Pi-Pop

Dove acquistare Pi-POP

Attualmente Pi-POP è disponibile solo in pochi modelli. Il suo produttore, la francese STEE, prevede di aumentare la produzione e la gamma di modelli per soddisfare la domanda dei fan e garantire l’espansione e penetrazione del mercato.

Tutti i modelli sono dotati di portapacchi e di parafanghi, che offrono caratteristiche pratiche per il trasporto di oggetti e la guida in qualsiasi condizione atmosferica. Attualmente, Pi-Pop è disponibile per la vendita online al prezzo di 2.450 euro.

fonte: Sebastien Poulin via Linkedin I STEE

immagine di copertina: Pi-Pop / STEE


 

Maker Faire Rome – The European Edition, promossa dalla Camera di Commercio di Roma, si impegna fin dalla sua prima edizione a rendere l’innovazione accessibile e fruibile, offrendo contenuti e informazioni in un blog sempre aggiornato e ricco di opportunità per curiosi, maker, PMI e aziende che vogliono arricchire le proprie conoscenze ed espandere la propria attività, in Italia e all’estero.

Seguici, iscriviti alla nostra newsletter: ti forniremo solo le informazioni giuste per approfondire i temi di tuo interesse.