Quanti mattoncini possiamo impilare senza che una torre lego cOLLASSI?

Un esperimento teorico ha calcolato il carico massimo che un mattoncino può sopportare. Per raggiungere la rottura occorrerebbero circa 375.000: una torre di 3,5 km

 

Non sono solo i bambini che amano costruire torri con i Lego: quanti mattoncini Lego, impilati uno sull’altro, ci vorrebbero per distruggere il mattoncino in basso? Allora, qual è la risposta? Il dibattito è acceso e si ripete spesso sul sito di social news Reddit.

È una domanda apparentemente banale ma un dipartimento di ingegneria della britannica Open University ha – su richiesta del programma “More or Less” della BBC – sfidato i suoi laboratori a cercare una risposta.

L’esperimento

La forza media massima che i mattoncini possono sopportare è 4.240 N. Ciò equivale a una massa di 432 kg (950 libbre). Se lo dividiamo per la massa di un singolo mattoncino, che è 1,152 g, otteniamo il totale complessivo dei mattoncini che un singolo pezzo di Lego potrebbe sopportare: 375.000. Potremmo quindi impilare fino a un massimo di 375.000 mattoncini ed essere certi che la torre non collasserà: questi i risultati degli studi della Open University britannica

Quindi, 375.000 mattoncini, equivalente ad una altezza di 3,5 km (2,17 miglia) sono ciò che ci vorrebbe per rompere un mattoncino Lego, il peso massimo che sarebbe in grado di sopportare.

credits: Dinu J Nair via Unsplash

Più alta del Teide e dell’Olimpo

“Significa una torre più alta della montagna più alta della Spagna (il Monte Teide, nelle Canarie). È significativamente più alto del Monte Olimpo (la montagna più alta della Grecia) ed è l’altezza tipica a cui le persone sciano nelle Alpi (sebbene molti sciatori sciino anche a quote più basse)” , dice Ian Johnston della Open University.

“Quindi, se gli dei greci avessero voluto costruire un nuovo tempio sul Monte Olimpo, e il Monte Olimpo non fosse stato disponibile, avrebbero potuto semplicemente – farlo con i mattoncini Lego. A patto che non avessero deciso di sottoporlo a forte stress e saltare su e giù tutto il tempo, però”

 

Ma si potrebbe davvero costruire una torre Lego di 3,5 km?

“Non c’è alcuna possibilità che si possa farlo nella realtà”, dice Johnston. “Molto prima che il mattoncino si rompa, la torre collasserebbe su se stessa, deformandosi. L’altra cosa da ricordare è che l’esperimento è stato condotto caricando ogni lato nello stesso modo, e assicurandosi che tutte e quattro le pareti della ‘torre’ sopportassero lo stesso peso”.

Una torre di 3,5 km, per poter stare in piedi, dovrebbe essere costruita così diritta da non sforare di più di 2 mm a metà della sua altezza. “E sarei felice di incontrare un appassionato Lego in grado di realizzare una torre di 3,5 km in modo così accurato”, ha ancora aggiunto alla BBC Ian Johnston

Veduta della costruzione di una torre lego alta 36 metri, con l’intenzione di battere il Guinness World Record. 27 dicembre 2017 I Crediti: Miriam Alster/FLASH90

Certificarsi come ‘costruttore Lego’

Duncan Titmarsh è l’unico costruttore di Lego certificato nel Regno Unito – e uno dei soli 13 al mondo (almeno lo erano alcuni anni fa, quando è stato eseguito questo esperimento) – e Ed Diment, il suo partner dell’azienda Bright Bricks ha costruito il Lego Christmas Tree da 12,2 m (40 piedi), albero di Natale interamente in Lego ospitato nella stazione di St Pancras a Londra nel Natale 2012 e il calendario dell’avvento di 5 x 3 m che troneggiava a Covent Garden lo stesso anno.

Tuttavia, non entrambi non hanno potuto accettare la sfida della costruzione della torre. “Se provi a impilare mattoncini 2×2, non appena superi i 3 o 4 m di altezza, non c’è quasi modo di eliminare tutte le complessità”, afferma Ed Diment. “Quindi sarebbe strutturalmente impossibile farlo, ma teoricamente è un esperimento molto affascinante”.

E tu, stai considerando di costruire qualcosa di impressionante con i Lego? Facci sapere: la Call for Makers è ora aperta e ci piacerebbe prendere in considerazione il tuo progetto per esporre alla Maker Faire Rome 2022 di ottobre!

fonte: BBC / NYTimes

immagine di copertina: Unsplash


Maker Faire Rome – The European Edition, promossa dalla Camera di Commercio di Roma e organizzata dalla sua Azienda speciale Innova Camera, si impegna da ben nove edizioni a rendere l’innovazione accessibile e fruibile con l’obiettivo di non lasciare indietro nessuno offrendo contenuti e informazioni in un blog sempre aggiornato e ricco di opportunità per curiosi, maker, startup e aziende che vogliono arricchire le proprie conoscenze ed espandere il proprio business, in Italia e all’estero.

Seguici, iscriviti alla nostra newsletter: ti forniremo solo le informazioni giuste per approfondire i temi di tuo interesse.

MAKER FAIRE ROME 2021 PARTNER

Promosso e organizzato da

Con il supporto di

In collaborazione con

Con il patrocinio di

In partnership con

MAIN PARTNER

GOLD PARTNER

Silver partner

BRONZE PARTNER

MAIN MEDIA PARTNER

MAIN MEDIA PARTNER PRESS & DIGITAL

TECHNICAL MEDIA PARTNER

MEDIA PARTNER

CONTENT PARTNER

FOOD INNOVATION PARTNER

è organizzato indipendentemente ed opera sotto licenza di
Maker Media inc. È un evento

COSA È MAKER FAIRE

Maker Faire Rome è un evento che facilita e racconta l’innovazione tecnologica connettendo le persone e le idee. Una piattaforma in grado di coinvolgere gli appassionati di innovazione in percorsi di co-progettazione, apprendimento, formazione e matchmaking. La manifestazione vuole diffondere la cultura dell’Open Innovation consentendo al sistema produttivo di ricorrere a idee, soluzioni, strumenti e competenze tecnologiche che arrivano dall’esterno e dal basso, attraverso una connessione virtuosa tra innovatori, creativi, startup, aziende, studenti, università e istituti di ricerca. Maker Faire Rome è il luogo in cui i protagonisti dell’innovazione europea si incontrano, si confrontano, scoprono le novità e fanno affari.

© 2022 Maker Faire Rome - The European Edition
Innova Camera - Azienda Speciale della Camera di Commercio di Roma - P.IVA e C.F 10203811004 - www.innovacamera.it
Privacy policy