L’estrusore per stampanti 3D sostenibile e low cost: Felfil

Felfil

Il progetto che fa risparmiare fino all’80% sul costo delle bobine e protegge l’ambiente

Felfil è un estrusore per stampanti 3D. Non uno qualunque. E’ un estrusore innovativo, grazie al quale chiunque si può preparare (in diversi colori e materiali) il filamento in casa, partendo da scarti plastici, modelli mal riusciti, imballaggi e perfino da pellet. Il progetto, nato come idea tra i banchi dell’Università del Politecnico di Torino durante il corso di EcoDesign nel 2013, permette di risparmiare fino all’80% sul costo delle bobine e contribuisce a proteggere l’ambiente. I talenti che hanno realizzato questa idea sono Fabrizio Pasquero, Fabrizio Mesiano, Alessandro Severini e Marzia Doro, tutti eco-designer.

felfil
Il team di Felfil – credits felfil.com

Il 2014 è un po’ l’anno decisivo per i ragazzi del team. Alla Maker Faire Rome 2014 si sono aggiudicati il premio Maker of Merit. Ma, cosa forse più determinante, lo stesso anno Felfil è stato selezionato tra i progetti di Treatabit, il programma di accelerazione di I3P, l’incubatore d’impresa del Politecnico di Torino, grazie al quale il team ha accelerato lo sviluppo del secondo prototipo dell’estrusore di filamento: Felfil Evo.

La società

Nel 2016 l’idea diventa ufficialmente un’azienda, che lancia una campagna di equity crowdfunding  sulla piattaforma Mamacrowd. L’iniziativa riscuote un buon successo e si conclude a marzo 2017, dopo cinque mesi, con un aumento di capitale di 120 mila euro.

 

IN COLLABORAZIONE CON NINJA.IT

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Maker Faire Rome 2020 Partner

Promosso e organizzato da

MAIN PARTNER

GOLD PARTNER

© 2020 Maker Faire Rome - The European Edition
Innova Camera - Azienda Speciale della Camera di Commercio di Roma - P.IVA e C.F 10203811004 - www.innovacamera.it
Privacy policy