RIUTILIZZARE LA PLASTICA: DALLE AUTO AGLI ARREDI, LA SOLUZIONE E’ CIRCOLARE  

Ingegneri e designer in tutto il mondo stanno trasformando la plastica monouso dei dispositivi maggiormente usati durante la pandemia in parti di automobili e oggetti per la casa 

fonte: KIA e National Geographic

Il Covid-19 ha colpito le persone e il pianeta in una miriade di modi, ma uno degli impatti in assoluto più importanti – sul presente e sul futuro,  destinato a sopravvivere a lungo alla maggior parte di noi, sono i rifiuti di plastica che la pandemia ha generato.

Uno studio ha rilevato che già nell’agosto del 2021 erano state generate più di 8 milioni di tonnellate di rifiuti di plastica associati alla pandemia, con oltre 25.000 tonnellate – l’equivalente di 2.000 autobus a due piani – finite negli oceani.

Ancora più preoccupante, gli scienziati dietro le statistiche prevedono che, entro la fine del secolo, quasi tutta la plastica associata alla pandemia finirà sui fondali marini o sulle spiagge.

La relazione con la plastica è peggiorata con la pandemia  

Se il problema globale dei rifiuti di plastica era da tempo fuori controllo, il Covid-19 ha ulteriormente aggravato la questione, intensificando l’uso di plastica monouso e portando la sfida a nuovi livelli. I rifiuti più comuni includono kit di test e dispositivi di protezione individuale (DPI) come mascherine e guanti, la stragrande maggioranza dei quali proviene dagli ospedali, piuttosto che dall’uso individuale. 

La consapevolezza della portata del problema dei rifiuti del pianeta sta crescendo e i governi di molti paesi stanno intensificando i programmi di riciclo e di rigenerazione.  Anche molte aziende di tutto il mondo, piccole e grandi, stanno incorporando sempre più l’uso di materiali riciclati nelle loro produzioni.

Riciclare e riutilizzare è il modo

La plastica riciclata viene ora utilizzata davvero in qualsiasi cosa, dai materiali di imballaggio alle borse, ai mobili, ai vasi per piante e persino ai cordoli stradali.

Product designer, scienziati, ingegneri e architetti stanno prendendo ispirazione dal mondo naturale, compreso l’ecosistema oceanico, che finiscono con reintegrare ogni rifiuto nei loro cicli vitali.  Allo stesso modo, l’economia circolare riporta i rifiuti nel sistema, in un circuito chiuso capace di rigenerare praticamente all’infinito quei materiali. In contrapposizione al nostro modello attuale, fortemente incentrato ancora sull’ ‘usa e getta’, questo processo è decisamente rivoluzionario. 

Biomimetica: impariamo questo concetto, potrebbe cambiarlo tutto

La biomimetica è la scienza che risolve complessi problemi umani attraverso l’emulazione di modelli, sistemi ed elementi della natura, come l’oceano, e che ha ispirato innovazioni ingegneristiche nei campi della robotica, della medicina, delle infrastrutture e dell’energia.

“Dobbiamo trovare una seconda vita, o una terza vita, per i rifiuti di plastica e altri materiali che ora inquinano i nostri oceani e la nostra terra”, afferma l’ingegnere strutturale e architetto Arthur Huang, il cui studio di riciclo, Miniwiz, ha costruito l’edificio EcoARK di nove piani a Taipei da 1,5 milioni di bottiglie di plastica riciclate e, di recente, ha creato un intero reparto ospedaliero con materiali riciclati. “La nostra economia dovrebbe produrre zero rifiuti: questo è il ruolo principale della biomimetica”.

Cambiare il modo di pensare ai rifiuti

C’è ancora molta strada da fare, però. La ricerca mostra che meno del 10% dei rifiuti di plastica è stato riciclato almeno una volta, in gran parte a causa della cattiva gestione del settore, e che gran parte di essi finisce nelle discariche o negli impianti di incenerimento.

Molti paesi sviluppati continuano a spedire i loro rifiuti altrove per il trattamento, che ha un’impronta di carbonio maggiore rispetto al riciclo nello stesso luogo di produzione. Gli articoli spediti possono anche essere contaminati durante questo processo, rendendo il riciclo persino più difficile.

“Dobbiamo ridurre la produzione di rifiuti di plastica e aumentare la quantità di quelli che riusciamo a gestire correttamente”, ha affermato Jenna Jambeck di National Geographic, commentando il suo articolo sul monitoraggio del movimento dei rifiuti di plastica dalla terra al mare, pubblicato su Science.

“Cambiando il modo in cui concepiamo i rifiuti, valorizzandone la gestione, raccogliendoli, catturandoli e contenendoli, possiamo aprire nuovi posti di lavoro e opportunità di innovazione economica e, inoltre, migliorare le condizioni di vita e di salute di milioni di persone intorno il mondo e proteggere i nostri oceani”.

La soluzione Kia

La casa automobilistica sudcoreana Kia prevede di aumentare la quota di plastica riciclata nei suoi veicoli al 20% entro il 2030.

Attualmente, sta aiutando ad affrontare i rifiuti di plastica negli oceani collaborando con organizzazioni che raccolgono i rifiuti dagli oceani. L’azienda investe anche nella ricerca sui materiali riciclati e incorpora materiali riciclati nelle sue parti di automobili, inclusi modelli come il nuovo Niro e l’EV6. I materiali riciclati si trovano, ad esempio, nella moquette del pavimento e nel materiale del soffitto, nelle parti interne in plastica e nei tessuti.

Kia Niro I per gentile concessione: Kia Motors

Inoltre, l’azienda ha recentemente firmato una partnership globale di sette anni con The Ocean Cleanup, un’organizzazione senza scopo di lucro che sviluppa e ridimensiona le tecnologie per liberare gli oceani del mondo dalla plastica. Kia fornirà fondi e contributi in natura per le operazioni oceaniche e per la costruzione di dispositivi per la pulizia del fiume “Interceptor Original”. Attraverso questa partnership, Kia intende integrare la plastica oceanica riciclata raccolta da The Ocean Cleanup nel suo processo di catena del valore

Altre iniziative nel mondo

Altre iniziative in tutto il mondo che riciclano i rifiuti clinici

Includere la macchina SteriMelt del Thermal Compaction Group, che ora si trova in diversi ospedali del Regno Unito. La macchina sterilizza e fonde maschere protettive, involucri e teli in bricchetti di plastica riutilizzabili.

SteriMelt I per gentile concessione di TGC Solutions

Anche con sede nel Regno Unito, ReFactory tiene i DPI in “quarantena” per 72 ore, prima di triturarli, lavarli e quindi sovrapporli. La plastica viene quindi riscaldata a oltre 200°C (392°F) e pressata in pannelli solidi che possono essere utilizzati nell’edilizia, nella falegnameria e nell’arredamento di negozi.


 

Maker Faire Rome – The European Edition, promossa dalla Camera di Commercio di Roma e organizzata dalla sua Azienda speciale Innova Camera, si impegna fin dalla sua prima edizione a rendere l’innovazione accessibile e fruibile con l’obiettivo di non lasciare indietro nessuno offrendo contenuti e informazioni in un blog sempre aggiornato e ricco di opportunità per curiosi, maker, startup e aziende che vogliono arricchire le proprie conoscenze ed espandere il proprio business, in Italia e all’estero.

Visita Maker Faire Rome dal 7 al 9 ottobre al Gazometro Ostiense. Info e biglietti https://makerfairerome.eu/it/biglietti/