Kathy Sullivan conquista anche la Fossa delle Marianne - Maker Faire Rome

E’ stata la prima donna americana a camminare nello spazio

Oggi e’ anche la prima a raggiungere il punto più profondo della Terra.

 

E’ Kathy Sullivan, che lo scorso sabato 6 giugno si è immersa nel Challenger Deep, il punto più profondo del pianeta. E’ la prima donna e l’ottava persona a percorrere le 7 miglia (11 chilometri) verso il fondo della Fossa delle Marianne, la depressione a forma di mezzaluna situata vicino a Guam, nell’Oceano Pacifico occidentale.

“Challenger Deep – e ritorno!” ha scritto Sullivan su Facebook dopo aver completato l’immersione storica. “10.915 m [eteri] sui nostri strumenti (35.810 piedi).”

La partecipazione di Kathy Sullivan alla spedizione “Ring of Fire” di Caladan Oceanic arriva 36 anni dopo il suo lancio e l’esecuzione di una passeggiata spaziale al di fuori della navetta spaziale Challenger nel 1984. Sia l’orbiter che la depressione sul fondo del mare sono state chiamate come l’HMS Challenger, la nave da ispezione della Royal Navy britannica che nel 1875 fu il primo natante a registrare la profondità di quello che sarebbe poi stato conosciuto come Challenger Deep.

 

Kathy Sullivan con Victor Vescovo, imprenditore ed esploratore che e' stato il suo pilota in questa missione
Kathy Sullivan con Victor Vescovo, imprenditore ed esploratore, co-pilota in questa missione

L’imbarcazione di Sullivan sabato (domenica 7 giugno a Guam) è stata il “Limiting Factor“, il primo DSV (veicolo a immersione profonda) certificato commercialmente. L’investitore ed esploratore Victor Vescovo, che ha sottoscritto il progetto e la costruzione del sommergibile da svariati milioni di dollari, è stato il pilota di Sullivan. L’immersione ha segnato la terza visita di Vescovo a Challenger Deep dopo due discese da record nel 2019.

 

 

“Sono appena tornato da Challenger Deep! Il mio copilota era la dottoressa Kathy Sullivan – ora la prima donna sul fondo dell’oceano ed ex astronauta”, ha scritto Vescovo su Twitter 12 ore dopo essere partito per l’immersione. “Grandi complimenti a lei!”

 

 

Affiancati dalla nave di supporto “Pressure Drop”, un’ex nave della Marina statunitense appositamente adattata per questa spedizione, Vescovo e Sullivan hanno esplorato l’area orientale di Challenger Deep come parte di una serie pianificata di immersioni scientifiche che esamineranno le tree aree di cui si compone questa enorme depressione naturale.

 

 

Nel corso di ben otto immersioni, il team oceanico di Caladan spera di osservare emergenze vulcaniche, identificare nuove specie di vita marina degli abissi e mappare la zona economica esclusiva degli Stati Uniti su richiesta della National Oceanic and Atmospher Administration (NOAA). Tra gli altri membri del team in programma di immergersi c’è Kelly Walsh, il cui padre, Don Walsh, è stato il primo a raggiungere Challenger Deep con Jacques Piccard a bordo di un batiscafo di ricerca 60 anni fa.

Sullivan, oceanografa navale in pensione, geologa ed ex amministratore del NOAA, ha ricevuto una formazione di robotica prima di partire per l’immersione per aiutare a raccogliere campioni dal fondo dell’oceano. Il Limiting Factor è dotato di un manipolatore idraulico “Raptor” Kraft Telerobotics, un artiglio con una portata di 1,5 piedi.

 

 

Prima di unirsi alla NASA nel 1978 come membro del primo gruppo di astronauti statunitensi che includeva donne, Kathy Sullivan era su una delle prime spedizioni che impiegavano un sommergibile per studiare i processi vulcanici che formano la crosta oceanica.

“La mia specifica aspirazione in tutta la scuola di specializzazione era quella di … essere in grado di scendere davvero e vedere da me, direttamente,  il fondo del mare profondo, esplorare la vulcanologica marina e la geofisica e arrivare a immergermi esattamente li. Questo è quello cui puntavo, fino all’arrivo della NASA”. aveva ha dichiarato Sullivan in un’intervista sulla storia della NASA rilasciata nel 2007.

Nello spazio, in orbita tra 220 e 380 miglia (350 e 615 km) sopra la Terra, Sullivan ha contribuito a perfezionare il rifornimento di carburante via satellite durante la sua storica attività extraveicolare di 3 ore e 29 minuti (EVA, o passeggiata nello spazio), e ha aiutato nel setting del Telescopio Hubble. In totale, ha registrato 22 giorni fuori dal pianeta nel corso delle sue tre missioni spaziali tra il 1984 e il 1992.

Dopo la sua immersione, Sullivan ha avuto l’opportunità di chiamare gli astronauti a bordo della Stazione Spaziale Internazionale per condividere la sua esperienza.

“Un’opportunità incredibile e un grande passo per la scienza!” Caladan Oceanic ha scritto su Twitter del collegamento mare-spazio.

 

Con l’immersione di Sullivan su Challenger Deep, gli astronauti sono stati ora nei punti più bassi e più alti della Terra. Il 19 maggio 2009, Scott Parazynski ha scalato l’Everest, due anni dopo la sua quinta e ultima missione spaziale.

“Se sistemassimo l’Everest nel Challenger Deep, la sua vetta sarebbe più di un miglio sotto il livello del mare”, Sullivan ha scritto sul suo sito web documentando la sua spedizione.

“Ciò che rende … il vertice dell’Everest e il raggiungimento del fondo del Challenger Deep sfide così selvaggiamente diverse è la pressione dell’aria”, ha scritto. “Dal livello del mare all’Everest? Circa il 70 percento in meno di pressione atmosferica al vertice rispetto al livello del mare (1013 millibar a 253). Pressione sul fondo dello Challenger Deep? Oltre 1.000 volte quella a livello del mare (15.750 libbre per pollice quadrato, contro 14,7 a livello del mare). “

Prima della sua immersione da record, la più profonda immersione di Kathy Sullivan era stata a 2.500 piedi (2,5 km) per esplorare alcune correntiidrotermali dell’East Pacific Rise, a bordo della Alvin, curata dal Woods Hole Oceanographic Institution del Sommers, nel 1996.

________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________

fonti: NYTimes I DailyMail I FloridaNews

 

Maker Faire Rome The European Edition si impegna da ben otto edizioni a rendere l’innovazione accessibile e fruibile con l’obiettivo di non lasciare indietro nessuno offrendo contenuti e informazioni in un blog sempre aggiornato e ricco di opportunità per curiosi, maker, startup e aziende che vogliono arricchire le proprie conoscenze ed espandere il proprio business, in Italia e all’estero.

Seguici, iscriviti alla nostra newsletter: ti forniremo solo le informazione giuste per approfondire i temi di tuo interesse.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Robot Cosa è Maker Faire

È la più importante manifestazione sull’innovazione. Un evento ricco di invenzioni e creatività, che celebra la cultura del “fai da te” in ambito tecnologico. È il luogo dove maker, imprese e appassionati di ogni età e background si incontrano per presentare i propri progetti e condividere le proprie conoscenze e scoperte. Riunisce gli appassionati di tecnologia, gli artigiani digitali, le scuole, le università, gli educatori, gli hobbisti, i centri di ricerca, gli artisti, gli studenti e le imprese. Tutti vengono a mostrare le loro creazioni e condividere le loro conoscenze. I visitatori vengono a Maker Faire per “ intravedere” il futuro e trovare l'ispirazione per diventare essi stessi “Makers”.

 

© 2020 Maker Faire Rome - The European Edition
Innova Camera - Azienda Speciale della Camera di Commercio di Roma - P.IVA e C.F 10203811004 - www.innovacamera.it
Privacy policy