Gli scarti del pesce PREFERITI DA MOLTI MARCHI come alternativa ai pellami esotici

Trentadue milioni di tonnellate di rifiuti ittici annuali potrebbero essere messi in produzione ogni anno come alternativa alle pelli esotiche di specie in via di estinzione.

 

Una nuova ricerca si propone di dimostrare che la pelle di pesce è facilmente utilizzabile nel settore della moda. 

Il progetto di ricerca Fishskin si concentra sullo sviluppo della pelle di pesce come nuova materia prima adatta ai mercati della moda e del lusso. La finalità è di consentire alla pelle di pesce, attualmente considerata rifiuto, di entrare in produzione commerciale entro pochi anni.

FishSkinLab
FishSkinLab

Esperti accademici e industrial design della moda,  tecnici di scienze dei materiali e biologi marini stanno lavorando insieme al progetto per sviluppare nuove tecniche e processi che permettano di utilizzare la pelle di pesce su scala industriale.

L’utilizzo di pelle di pesce per l’industria della moda si basa su anni di ricerca e sull’esperienza di Elisa Palomino, ricercatrice presso il Center for Sustainable Fashion della UAL presso il London College of Fashion e leader di Pathway in Fashion Print presso Central Saint Martins della UAL, che ha progettato capi in pelle di pesce e accessori per John Galliano e Christian Dior nel 2002.

 

pochette in pelle di pesce

 

“Siamo stati tra i primi marchi a utilizzare la pelle di pesce e, facendolo, abbiamo inserito un materiale sostenibile, a malapena conosciuto, nel contesto dell’industria del lusso. Come ricercatore, offro l’esperienza maturata in oltre venticinque anni nella progettazione di marchi di moda di lusso a livello internazionale. A ciò si aggiunge la mia attuale pratica di educatrice presso la BA Fashion Print della Central Saint Martins di Londra e di docente di moda presso università internazionali, che supporta gli studenti a impegnarsi con la sostenibilità. I punti di forza di entrambe le discipline saranno utili per questa ricerca ”, afferma Elisa Palomino.

Campioni di pelle di pesce sono stati prodotti in collaborazione con artigiani giapponesi utilizzando variazioni di indaco e tecniche di tintura naturale, nonché tecniche contemporanee di stampa digitale con luce UV e inchiostro ad acqua.

 

courtesy of FishSkinLab

 

Nel 2018, Elisa ha collaborato con Atlantic Leather nello sviluppo di “Fishskinlab”, un progetto di partenariato  finanziato dalla Commissione Europea tramite EASME, nell’ambito del programma COSME 2014-2020, per produrre una collezione di borse in pelle di pesce grazie a tecniche di stampa digitale ecologica.

Nel 2019, Elisa ha ricevuto una borsa di studio Fulbright nel Regno Unito per lo sviluppo di un progetto di ricerca educativa intitolato “Indumenti indigeni della pelle di pesce artico: impatti culturali ed ecologici”. collaborando con William Fitzhugh, direttore dell’Arctic Studies Centre presso il National Museum of Natural History, e con lo Smithsonian Institute e il suo team per comprendere il significato culturale, ambientale, sociale, spirituale e tecnologico della pelle di pesce risalente alle popolazioni indigene dell’Artico.

La pelle di pesce è stata usata per secoli dagli Inuit, Yup’ik e Athabascan dell’Alaska e del Canada; Popoli siberiani, come il Nivkh e il Nanai; l’Ainu dall’isola di Hokkaido in Giappone e l’isola di Sakhalin, in Russia; gli Hezhe dalla Cina nordorientale e gli islandesi.

Oggi, la pelle di pesce sta conoscendo sempre maggior successo perché può supportare la domanda di materiali e processi sostenibili in grado di abilitare processi di economia circolare, dato che molti brand e case di moda abbandonano materiali tossici o dannosi per l’ambiente, o preferiscono non avvalersi di pelle di animali esotici e rari.

Le pelli provengono da attività di pesca locali, sono a km “quasi 0”.  L’approvvigionamento e la lavorazione locali aiutano a tenere corta la filiera, ridurre il trasporto necessario e la carbon footprint, e aumenta la trasparenza lungo la catena di approvvigionamento. La produzione di pelli di pesce ha anche offerto nuove opportunità di lavoro alle comunità costiere in alcuni paesi.

Nessuno dei pesci utilizzati per produrre questa pelle alternativa viene allevato per le sue pelli. Inoltre, lavorare la pelle di pesce evita di gettarla come scarto in mare, come abitualmente accade, e  puo aiutare a ridurre significativamente l’inquinamento marino e proteggere in modo sostenibile gli ecosistemi marini.


Maker Faire Rome – The European Edition si impegna da ben otto edizioni a rendere l’innovazione accessibile e fruibile con l’obiettivo di non lasciare indietro nessuno offrendo contenuti e informazioni in un blog sempre aggiornato e ricco di opportunità per curiosi, maker, startup e aziende che vogliono arricchire le proprie conoscenze ed espandere il proprio business, in Italia e all’estero.

Seguici, iscriviti alla nostra newsletter: ti forniremo solo le informazione giuste per approfondire i temi di tuo interesse.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Maker Faire Rome 2020 Partner

Promosso e organizzato da

MAIN PARTNER

GOLD PARTNER

© 2020 Maker Faire Rome - The European Edition
Innova Camera - Azienda Speciale della Camera di Commercio di Roma - P.IVA e C.F 10203811004 - www.innovacamera.it
Privacy policy