La Svezia ha sviluppato un metodo per produrre acciaio senza l’uso di combustibili fossili

La Svezia è il primo paese al mondo a sviluppare questo metodo, importantissimo per la sostenibilità della produzione e la lotta al cambiamento climatico

 

La Svezia è diventato il primo paese al mondo a sviluppare un metodo per produrre acciaio interamente senza l’uso di combustibili fossili. Il primo acciaio al mondo privo di fossili è stato consegnato al Gruppo Volvo la scorsa settimana.

L’industria siderurgica, le emissioni, i problemi climatici

Ma soprattutto promette di dare una mano a decarbonizzare un settore così complesso come il siderurgico, che solo in Europa è il responsabile di ¼ di tutte le emissioni dell’industria e che produce il 7% dei gas serra a livello globale.

Si prevede che l’incremento demografico e l’espansione dell’urbanizzazione in espansione determineranno un aumento della domanda globale di acciaio entro il 2050. L’impronta di carbonio nel settore dell’acciaio è quindi una sfida sia per l’Europa che per il mondo.

L’industria siderurgica pesa sui cambiamenti climatici

La produzione di acciaio “pulito”

Si lavora al problema delle emissioni di Co2 dell’industria siderurgica – e si ricercano soluzioni radicali – da molti anni. Questa svolta recente arriva però da una startup, H2 Green Steel, che costruirà in Svezia un’acciaieria a idrogeno capace di produzione su larga scala.

La produzione che si avvale di idrogeno potrebbe contribuire a ridurre le emissioni totali di anidride carbonica della Svezia di oltre il 10% a lungo termine e a raggiungere l’obiettivo della Svezia di diventare la prima nazione del benessere senza fossili al mondo. La tecnologia svedese potrebbe, chiaramente, anche essere parte della soluzione a livello globale, segnando la strada ad altri paesi che volessero seguirla in questo percorso.

La ricerca e i test

Il passo in avanti di cui parliamo è stato reso possibile grazie ad un altro progetto, HYBRIT, lanciato sempre in Svezia nel 2018 e vero apripista nel campo della siderurgia sostenibile. L’acciaio, infatti, viene prodotto utilizzando gas idrogeno privo di fossili invece di carbone e coke per trasformare il minerale di ferro in ferro.HYBRIT è un’iniziativa congiunta di tre società svedesi – il produttore di acciaio SSAB, la società mineraria LKAB e la società energetica Vattenfall – in collaborazione con i ricercatori e il settore pubblico, a dimostrazione dell’importanza di collaborazione tra diversi settori per trovare soluzioni alle sfide comuni nella società e oltre i confini nazionali.

L’acciaieria a idrogeno di HYBRIT è un impianto sperimentale che finirà la fase di pilot nel 2024. Sorge nella città settentrionale di Luleå, a 250 km dai giacimenti minerari di Norrbotten: la stessa regione – ricca di minerali – in cui vedrà la luce il progetto di H2 Green Steel. HYBRIT però ha dimensioni molto più contenute. Anche all’indomani della fase pilota, infatti, il progetto non sarà in grado di produrre più di mezzo milione di tonnellate d’acciaio l’anno, anche lavorando 24/7.

Nel 2024, la prima acciaieria a idrogeno su scala industriale

La startup H2 Green Steel costruirà, quindi, in Svezia un’acciaieria a idrogeno capace di produzione su larga scala. Capace di superare, quindi, i limiti dell’impianto del progetto pilota HYBRIT – che, comunque, merita a pieno titolo gli onori di questo successo: sono infatti i risultati delle ricerche che ha permesso, che rendono ora possibile progettare un impianto su larga scala, con volumi di produzione decisamente interessanti.

l nuovo impianto di H2 Green Steel dovrebbe aprire nel 2024 e raggiungere la piena produzione entro il 2030.

Per quella data, H2 Green Steel prevede che l’acciaieria a idrogeno avrà una capacità produttiva annua di 5 milioni di tonnellate di acciaio di alta qualità. Ottenute senza alcuna emissione di gas serra nel corso dell’intero processo, solo vapore acqueo. Meraviglioso, vero?

Scopri la produzione “pulita” di acciaio

In questo video di H2 Green Steel può trovare molte risposte alle tue domande:

fonti: Rinnovabili.it I Ambasciata di Svezia in Italia I Hybrit I H2 Green Steel

foto di copertina: Ambasciata di Svezia in Italia


.

Maker Faire Rome – The European Edition, promossa dalla Camera di Commercio di Roma e organizzata dalla sua Azienda speciale Innova Camera, si impegna da ben otto edizioni a rendere l’innovazione accessibile e fruibile con l’obiettivo di non lasciare indietro nessuno offrendo contenuti e informazioni in un blog sempre aggiornato e ricco di opportunità per curiosi, maker, startup e aziende che vogliono arricchire le proprie conoscenze ed espandere il proprio business, in Italia e all’estero.

Seguici, iscriviti alla nostra newsletter:ti forniremo solo le informazioni giuste per approfondire i temi di tuo interesse

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

MAKER FAIRE ROME 2021 PARTNER

Promosso e organizzato da

Con il supporto di

In collaborazione con

Con il patrocinio di

In partnership con

MAIN PARTNER

GOLD PARTNER

Silver partner

BRONZE PARTNER

MAIN MEDIA PARTNER

MAIN MEDIA PARTNER PRESS & DIGITAL

TECHNICAL MEDIA PARTNER

MEDIA PARTNER

CONTENT PARTNER

FOOD INNOVATION PARTNER

© 2021 Maker Faire Rome - The European Edition
Innova Camera - Azienda Speciale della Camera di Commercio di Roma - P.IVA e C.F 10203811004 - www.innovacamera.it
Privacy policy