Le soluzioni tecnologiche per gli anziani aumentano la percezione di sicurezza e di controllo

Lo dimostra lo studio condotto da Eurac Research di Bolzano nell’ambito del progetto internazionale europeo “i-evAALution”

 

In Europa, a causa dei cambiamenti demografici, le persone vivono più a lungo e vogliono restare il più lungo possibile nelle loro case. Al momento, però, è una sfida coprire tutte le esigenze di una persona anziana con un’unica soluzione tecnologica “olistica”, capace di soddisfare tutte le esigenze, tenendo insieme ogni elemento e interesse del processo che ne è alla base.

La preoccupazione di non poter vivere autonomamente a casa propria e di coordinare le attività quotidiane in modo autodeterminato grava sulle persone anziane e sul loro ambiente sociale. Spesso le conseguenze sono un deterioramento del benessere fisico e psicologico e l’isolamento sociale, che causano crescenti preoccupazioni per la famiglia, ivicini, gli amici e per gli operatori professionali coinvolti nella loro cura e assistenza.

credit: Huyen Nguyen via Unsplash

Il test italiano, a cura di Eurac

Per un anno, 36 altoatesini di età compresa tra i 65 e i 94 anni, cioè circa la metà dei soggetti coinvolti nello studio, hanno testato un pacchetto tecnologico composto da sensori, un tablet e un orologio di emergenza collegati in rete.

Un esempio spiega il funzionamento del kit: una partecipante fa sempre colazione tra le sette e le otto, se alle nove il frigorifero non è ancora stato aperto il sensore attaccato alla porta invia un messaggio al tablet della signora per accertarsi che non sia successo nulla. Se la signora non risponde entro 20 minuti, viene inviato un messaggio ad un parente, che può chiamare o passare a controllare. Il tablet ricorda anche gli appuntamenti e i sensori accendono una luce quando le persone si alzano di notte oppure segnalano se una pentola viene dimenticata sul fornello acceso.

In caso di caduta, i soccorsi vengono allertati rapidamente tramite la centrale di emergenza creata appositamente per il progetto dalla cooperativa per i servizi socio-sanitari Sos Onlus di Bolzano, anch’essa partner del progetto. I risultati dello studio saranno presentati a “Smarter Lives”, un evento per operatori del settore sulla digitalizzazione nell’assistenza e la qualità della vita nella terza età, che si svolgerà online ed è organizzato dall'”Aal Competence Network” dell’Università di Innsbruck in collaborazione con Eurac Research, e del quale riporteremo i contenuti successivamente su questo blog.

Il progetto i-evAAlution

i-evAALution è un progetto internazionale di ricerca e sviluppo. L’obiettivo è di dare accesso a soluzioni innovative di Active and Assisted Living (AAL) in un’applicazione pilota su larga scala. Il progetto combina soluzioni AAL con prodotti di consumo moderni. Lo scopo è quello di trovare evidenza che queste soluzioni hanno un effetto sulla qualità di vita delle persone anziane e sulla sostenibilità socio-economica in un contesto più ampio.

Paesi Bassi, Austria, Italia e Slovenia sono i paesi partner.

Obiettivi del progetto

Il pacchetto i-evAALution contribuisce ad aiutare le persone anziane a vivere più a lungo in modo indipendente a casa propria. i-evAALution mira a fornire un pacchetto di soluzioni che si avvale di diversi strumenti di informazione e comunicazione (ICT) esistenti.

Queste tecnologie dovrebbero essere accessibili, di facile utilizzo, sicure e affidabili e, dall’altro lato, semplici da implementare, espandibili e utilizzabili in contesti di assistenza a livello di comunità. Per questo motivo i-evAAlution utilizza tecnologie avanzate come l’intelligenza artificiale, il riconoscimento vocale e i sensori. Dato che sul mercato esistono già molte soluzioni AAL, è necessario collegare alcune di queste soluzioni tra di loro per ottenere un pacchetto efficace di prodotti capaci a coprire le esigenze delle persone anziane e di sostenerle nella loro vita quotidiana.

Inoltre, i-evAALution si concentra sulla valutazione dell’impatto sulla qualità di vita degli utenti finali che usano questo pacchetto e sull’ottenimento di nuove conoscenze riguardo al design, all’accettazione da parte dell’utente, alla fattibilità socio-economica, alla disponibilità a pagare e alla convalidazione del modello di business per il pacchetto AAL.

L’idea più ampia, dai risvolti anche imprenditoriali, è quella di valutare e verificare l’interoperabilità di alcuni prodotti AAL e di altri prodotti ICT “smart”, per creare un pacchetto AAL standard – il pacchetto i-evAALution – che sarà offerto durante e dopo la conclusione del progetto. L’associazione “i-evAALution”, che sarà fondata nel corso del progetto, sarà responsabile della valutazione e dell’integrazione e fornirà inoltre servizi e informazioni ai clienti.

Su EURAC

Eurac Research Bolzano è stata fondata nel 1992 come centro di ricerca e istruzione privato ed è sede di ricercatori provenienti da tutta Europa che lavorano insieme su un’ampia gamma di progetti interdisciplinari. L’Istituto per il management pubblico assiste le amministrazioni pubbliche nella preparazione, nell’introduzione e nell’attuazione delle proprie innovazioni. L’orientamento alla prassi guida le attività dell’Istituto. Attraverso studi, consulenze e un’offerta formativa mirata per i dirigenti, i ricercatori sviluppano soluzioni dirette a rispondere alle attuali esigenze della pubblica amministrazione.

La ricerca si concentra sui seguenti settori:

  • Sviluppo sostenibile e gestione strategica dei comuni
  • Governance locale
  • Management sociale
  • Management della qualità
  • Public management internazionale
  • Public accounting e controlling

Il suo ruolo nel progetto i-evAALution si concentra su

  • Analisi dello stato dell’arte
  • Preparazione e valutazione di analisi e indagini rivolte agli utenti finali
  • Supporto scientifico per il test delle soluzioni
  • Implementazione e pilotaggio
  • Supporto di primo livello coordinato con la centrale di emergenza e le organizzazioni locali coinvolti nei progetti

fonti: ANSA I EURAC I I-evAALution

foto di copertina: sito i-evAALution


 

Maker Faire Rome – The European Edition, promossa dalla Camera di Commercio di Roma e organizzata dalla sua Azienda speciale Innova Camera, si impegna da ben otto edizioni a rendere l’innovazione accessibile e fruibile con l’obiettivo di non lasciare indietro nessuno offrendo contenuti e informazioni in un blog sempre aggiornato e ricco di opportunità per curiosi, maker, startup e aziende che vogliono arricchire le proprie conoscenze ed espandere il proprio business, in Italia e all’estero.

Seguici, iscriviti alla nostra newsletter:ti forniremo solo le informazioni giuste per approfondire i temi di tuo interesse

 

 

 

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Maker Faire Rome 2020 Partner

Promosso e organizzato da

Con il supporto di

In collaborazione con

Con il patrocinio di

In partnership con

MAIN PARTNER

GOLD PARTNER

BRONZE PARTNER

MAIN MEDIA PARTNER

MAIN MEDIA PARTNER PRESS & DIGITAL

MEDIA PARTNER

CONTENT PARTNER

FOOD TECHNICAL PARTNER

© 2021 Maker Faire Rome - The European Edition
Innova Camera - Azienda Speciale della Camera di Commercio di Roma - P.IVA e C.F 10203811004 - www.innovacamera.it
Privacy policy