Powered by

UN’intelligenza artificiale ha restituito La voce a Val Kilmer

Il ritorno di Iceman in ‘Top Gun: Maverick’ reso possibile dalla AI di Sonantic, che ha clonato la voce dell’attore per poi doppiarlo

 

Attenzione: spoiler!

“Top Gun”, film di enorme successo e che ha segnato un momento clou dell’adolescenza di tanti di noi, è nelle sale con la nuova versione “Top Gun: Maverick”, che vede anche il ritorno di Val Kilmer nel ruolo di Iceman.

Non era scontato e non è stato facile, visto che l’attore aveva perso la voce nel 2014, dopo aver subito una tracheotomia a causa di un cancro alla gola. 

Quello che forse pochi sanno è che a parlare per lui è stata un’intelligenza artificiale: quella sviluppata dalla startup londinese Sonantic, che ha collaborato con Kilmer dall’agosto 2021 per mettere a punto una versione sintetica e allo stesso tempo credibile della voce dell’attore.

Val Kilmer I credits: Wikipedia

Deep Learning e Voice Technology

L’azienda ha infatti creato una piattaforma vocale AI basata su deep learning che consente ai professionisti dell’intrattenimento di creare performance vocali piuttosto realistiche. Grazie a questi modelli vocali, le case di produzione possono già oggi velocizzare i flussi di lavoro creativi, per esempio accelerando artificialmente la registrazione di voci narranti quando fanno “leggere” alle macchine grandi quantità di testo in brevissimo tempo. 

È il caso dei videogiochi che simulano gli sport: ormai tutti hanno le telecronache incorporate, di solito con le voci di cronisti popolari, i quali sembrano reagire con genuino entusiasmo a ogni azione del giocatore. In realtà, il software del gioco utilizza migliaia di frasi pre registrate che, con un’IA come quella di Sonantic, ora possono essere approntate in molto meno tempo che utilizzando lo speaker in carne ed ossa.

Non era la prima volta: Sonantic utilizza già da tempo l’intelligenza artificiale per creare voci che poi vengono utilizzate nella produzione sonora di Hollywood e nella logopedia.

La sfida del caso “Iceman”

Nel caso di “Top Gun: Maverick”, però, le cose erano più difficili del solito: invece di lavorare con speaker professionisti e attori, che registrano lunghe sessioni audio in ambiente controllato con cui poi si fa il training dell’AI, i tecnici avevano a disposizione tutto sommato poche registrazioni della voce di Kilmer, quasi tutte dai film in cui l’attore ha recitato.

Una quantità di dati insufficiente rispetto alle tecnologia allora disponibile, e che quindi ha spinto Sonantic a sviluppare nuovi algoritmi in grado di performare anche con una quantità di dati dieci volte inferiori alla norma. Così impostato, il sistema ha generato oltre 40 modelli vocali diversi, tra cui è stato selezionato quello più adatto a “doppiare” Val Kilmer nel film.

Luci e ombre delle voice technologies

Il risultato è molto vicino all’originale e se, da un lato, è possibile apprezzarne gli evidenti vantaggi, dall’altro suscita qualche preoccupazione: sebbene infatti le voci generate con la piattaforma di Sonantic (e delle molte altre aziende impegnate su questo fronte) alla fine risultino ancora riconoscibile come “artificiali”, resta il pericolo che queste tecnologie, via via sempre più efficienti, vengano utilizzate per creare audio deepfake con cui truffare persone e aziende.

Del resto, è già successo: nel 2020, ad esempio, Symantec segnalava almeno tre casi di deepfake audio utilizzati per trafugare milioni di euro ad aziende private, replicando la voce dell’amministratore delegato dell’azienda. In quel caso, i criminali avevano addestrato i motori vocali dando loro in pasto conferenze in streaming, video su YouTube e su altri social media. Il passo successivo, poi, era stato utilizzare l’IA per chiamare i membri più anziani della divisione finanziaria e chiedere loro l’invio urgente di fondi.

fonti: Ansa I Sonantic I Northeastern University

immagine di copertina: credits Cineplex


Maker Faire Rome – The European Edition, promossa dalla Camera di Commercio di Roma e organizzata dalla sua Azienda speciale Innova Camera, si impegna da ben nove edizioni a rendere l’innovazione accessibile e fruibile con l’obiettivo di non lasciare indietro nessuno offrendo contenuti e informazioni in un blog sempre aggiornato e ricco di opportunità per curiosi, maker, startup e aziende che vogliono arricchire le proprie conoscenze ed espandere il proprio business, in Italia e all’estero.

Seguici, iscriviti alla nostra newsletter: ti forniremo solo le informazioni giuste per approfondire i temi di tuo interesse