RICERCA, COINVOLGIMENTO DELLA FILIERA, FORMAZIONE INTEGRATA E TRASFORMAZIONE DEGLI ASSET: GLI ASSI DEL CAMBIAMENTO FIRMATO ENI

Il processo di transizione energetica è avviato e inarrestabile: a Maker Faire Rome 2020 tutti i progetti in campo per i prossimi anni

 

Lo scorso febbraio, Eni comunicava il suo piano strategico al 2050, quello che guiderà la compagnia attraverso il processo di transizione energetica. Una scelta lucidissima, se consideriamo quello che accadeva soltanto poche settimane più tardi: una pandemia che ha messo a nudo le debolezze del nostro sistema ed evidenziato l’importanza di investire massivamente in nuovi percorsi e visioni.

Un processo che Eni aveva iniziato già da diverso tempo; il suo impegno verso la riconversione non è certo una novità di questi ultimi mesi.

Lo dimostrano gli investimenti nella ricerca di tecnologie alternative alle fonti fossili (il fotovoltaico, ad esempio: sono targati Eni i pannelli sottili più di un capello che potrebbero cambiare il volto – e i consumi – dei nostri edifici) e l’impegno nella trasformazione di impianti per la produzione di biocarburanti (come quelli a Porto Marghera e a Gela, dove si produce componente per il diesel anche da oli vegetali usati e di frittura) sono ormai realtà.

La nuova organizzazione che guida il cambiamento

In linea con questa strategia, lo scorso giugno Eni ha annunciato la nuova organizzazione, che vedrà la creazione di due nuove Direzioni Generali integrate:

  • Natural Resources svilupperà in modo sostenibile il portafoglio upstream Oil & Gas, promuovendo l’efficienza energetica e la cattura della CO2. Una catena del valore del gas pienamente integrata, dall’esplorazione allo sviluppo, che focalizzerà la sua azione sullo sviluppo di progetti di cattura e compensazione delle emissioni di CO2di conservazione delle foreste, e di sostenibilità e risanamento ambientale, attività cruciali per la fornitura sostenibile di prodotti decarbonizzati.
  • Energy Evolution, supporterà l’evoluzione dei business della generazione di energia elettrica, trasformazione e vendita di prodotti da fossili a bio, blue e green.

Si tratta di una trasformazione irreversibile. I recenti avvenimenti legati alla pandemia di Covid-19 sottolineano ulteriormente la necessità di accelerare l’attuazione del percorso che permetterà di creare una Eni più sostenibile.

Bioraffineria Eni di Venezia. Credits: Eni

Guardando al breve termine, nei prossimi quattro anni Eni prevede di investire circa 3 miliardi di euro in progetti di decarbonizzazione, rinnovabili ed economia circolare. A quest’ultima, in particolare, corrisponde un impegno di oltre 950 milioni di euro e ulteriori 220 milioni di euro in R&D per sviluppare soluzioni circolari per l’industria. L’obiettivo è di dare risposte efficaci, rapide, concrete e distintive per passare da un’economia lineare ad un nuovo modello circolare più responsabile e sostenibile

Nelle precedenti edizioni di Maker Faire Rome, hai avuto già modo di comprendere da vicino la serietà di questo impegno, la visione che lo guida, il percorso che si sta compiendo, la ricerca che lo abilita.

Vasche di coltura idroponica. Progetto Eni a Maker Faire Rome 2019

Nei progetti Eni presenterà a Maker Faire Rome, sono chiaramente distinguibili i pilastri della strategia di circolarità:

  • Materie prime sostenibili: spostarsi sempre più verso materiali da fonti rinnovabili, o provenienti da scarti di processi di produzione (es. rifiuti organici, plastiche post-consumo e biomasse di scarto di diversa provenienza)
  • Riuso, riciclo e recupero: sviluppare tecnologie di riciclo, recuperare materie prime da prodotti di scarto, oltre alla gestione e al recupero dei rifiuti
  • Estensione della vita utile: dare nuova vita ad asset e terreni in ottica sostenibile
Le saline Conti Vecchi.  Un progetto Eni Rewind con il FAI. Credits: FAI

Gli obiettivi sono la riduzione degli sprechi, la gestione sostenibile delle risorse naturali, la mitigazione e l’adattamento ai cambiamenti climatici, l’innovazione, l’occupazione. L’economia circolare diventa in questa ottica una chiave di efficienza e un elemento fondamentale di resilienza e di crescita inclusiva verso una risposta economica alle necessità della comunità e ad uno sviluppo sostenibile di lungo periodo della Società.

I driver del cambiamento Eni a Maker Faire Rome 2020

I contenuti della presenza Eni a Maker Faire Rome 2020 si snoderanno lungo tre filoni tematici, nei quali verranno presentati:

  • le innovazioni tecnologiche per la decarbonizzazione
Il processo di biofissazione della Co2 abilitato dalle alghe. Credits: Eni
  • il progetto JUST – Join Us in a Sustainable Transition, per la partnership con i fornitori che vogliono affrontare insieme ad Eni le sfide della transizione

 

  • JOULE, la Scuola Eni d’Impresa, appena avviata e in grado di contare già più di 4.000 iscritti alla piattaforma formativa Open e 7 percorsi di incubazione con altrettante startup innovative

Le innovazioni tecnologiche

Le tecnologie, insieme con le competenze, sono la leva strategica per raggiungere gli ambiziosi obiettivi in termini di decarbonizzazione che Eni si è data nel Piano Strategico al 2030 e 2050: dalla generazione di energia elettrica da moto ondoso al riciclo chimico e meccanico dei rifiuti in plastica, dal riutilizzo di oli vegetali esausti o della frazione organica dei rifiuti solidi urbani per trasformarli in biocarburanti e bio olio che può essere usato come carburante per le navi, dalla cattura, stoccaggio e riutilizzo della CO2 alle soluzioni per la riqualificazione energetica degli edifici e il fotovoltaico domestico.

Tecnologie e competenze che vengono messe anche a disposizione del Paese e della ricerca mondiale contro la pandemia. Eni ha stretto una collaborazione all’interno del progetto europeo EXSCALATE4CoV, per individuare i farmaci più sicuri e promettenti nella lotta al Coronavirus. Il progetto, guidato dall’azienda biofarmaceutica italiana Dompé, aggrega diciotto istituzioni e centri di ricerca in sette paesi europei, fra i quali il Cineca di Bologna e ha consentito in una prima fase l’individuazione di una molecola, il Raloxifene, che ha dimostrato una potenziale efficacia nel bloccare la replicazione del virus all’interno delle cellule. Sempre nell’ambito di EXSCALATE4CoV, Eni ha avviato nella notte di venerdì 20 novembre l’esperimento di supercalcolo molecolare più complesso mai realizzato al mondo con l’obiettivo di identificare nuove terapie contro il covid. L’esperimento, che ha avuto luogo nel Green Data Center Eni in Ferrera Erbognone, è una simulazione che ha permesso di testare 70 miliardi di molecole su 15 “siti attivi” del virus attraverso l’elaborazione di mille miliardi di interazioni in sole 60 ore, ovvero 5 milioni di simulazioni al secondo.

Il progetto JUST (Join Us in a Sustainable Transition)

JUST è l’iniziativa del Procurement Eni a supporto della transizione energetica: “Join Us in a Sustainable Transition” è un invito rivolto a tutti i fornitori attuali e futuri ad unirsi ad Eni sui temi della sostenibilità, lungo tutta la filiera e in tutte le fasi del processo di procurement, da quella di market intelligence, attraverso le call e gli scouting, alla qualifica fino alle gare. Per questo, e per stabilire un canale di ascolto e collaborazione con i fornitori, che siano Startup, Piccole-Medie o Grandi Imprese, che nasce il portale Eni Space.

JOULE, la Scuola Eni d’Impresa

La mission di Joule è formare e sostenere nel proprio sviluppo chi vuole fare impresa, crescere e fare crescere I’Italia in maniera sostenibile, fornendo alle aspiranti e agli aspiranti imprenditori strumenti e competenze, con moduli formativi in aula e a distanza. Inoltre, supporta chi ha già avviato un’impresa e vuole svilupparla. Lo Human Knowledge Program di Joule è un’esperienza innovativa, iniziata a ottobre 2020 con un percorso in aula e distance, il Blended Program, rivolto a 25 partecipanti, e che continua ora con uno full distance learning, gratuito e aperto a tutti, l’Open Program. Infine, Energizer è l’ “hybrid accelerator” che supporta chi ha già avviato una startup sostenibile.

 

Vieni a conoscere i progetti Eni a Maker Faire Rome 2020: online dal 10 al 13 dicembre su www.makerfairerome.eu

La partecipazione è gratuita.

 

UNTIL WE MEET AGAIN ❤️


 

Maker Faire Rome The European Edition si impegna da ben otto edizioni a rendere l’innovazione accessibile e fruibile con l’obiettivo di non lasciare indietro nessuno offrendo contenuti e informazioni in un blog sempre aggiornato e ricco di opportunità per curiosi, maker, startup e aziende che vogliono arricchire le proprie conoscenze ed espandere il proprio business, in Italia e all’estero.

Seguici, iscriviti alla nostra newsletter: ti forniremo solo le informazioni giuste per approfondire i temi di tuo interesse.

 

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Maker Faire Rome 2020 Partner

Promosso e organizzato da

Con il supporto di

In collaborazione con

Con il patrocinio di

In partnership con

MAIN PARTNER

GOLD PARTNER

BRONZE PARTNER

MAIN MEDIA PARTNER

MAIN MEDIA PARTNER PRESS & DIGITAL

MEDIA PARTNER

CONTENT PARTNER

FOOD TECHNICAL PARTNER

© 2021 Maker Faire Rome - The European Edition
Innova Camera - Azienda Speciale della Camera di Commercio di Roma - P.IVA e C.F 10203811004 - www.innovacamera.it
Privacy policy