La Royal Academy of Engineering ha chiesto a un’artista di mostrare i progressi della tecnologia usando famosi dipinti

Agricoltura, aviazione, trasporti e architettura innovative trasformano la vita quotidiana e i paesaggi ritratti da Van Gogh, Pissarro, Monet e Constable

repost da un articolo della Royal Academy of Engineering

 

L’artista digitale Ashly Lovett, su commessa della Royal Academy of Engineering, ha rielaborato capolavori di Monet, Van Gogh, Constable e Pissarro per ispirare una conversazione sui progressi dell’ingegneria che potrebbero aiutare a raggiungere l’obiettivo di ‘zero emissioni’ entro il 2050

Le fabbriche di Van Gogh a Clichy, I campi di grano di Constable, la Rue Saint-Honoré di Pissarro e La spiaggia a Sainte-Adresse di Monet sono stati rimasterizzati digitalmente da un’artista contemporanea, Ashly Lovett, per mostrare come le innovazioni e i progressi della tecnologia potrebbero aiutare a trasformare la vita quotidiana e i paesaggi anche nel futuro.

Innovazioni come robot agricoli, finestre termocromiche intelligenti, fattorie verticali e taxi volanti sono state inseriti nei capolavori impressionisti reimmaginati, per rappresentare scenari futuri di un mondo più sostenibile.

Le opere d’arte erano state commissionate dalla Royal Academy of Engineering in vista del This is Engineering Day, celebrato lo scorso mercoledì 3 novembre, che mira a incoraggiare sempre più persone a intraprendere carriere scientifiche, in risposta a una significativa carenza di competenze e rappresentatività di genere in queste professioni.

Re-immaginare le tecnologie, trasformare vita quotidiana e paesaggi

Pittori come Constable, Monet, Pissarro e Van Gogh hanno lasciato il segno nel mondo dell’arte durante la rivoluzione industriale. Mentre questa era ha portato benefici economici e miglioramenti negli standard di vita per molti, ora sappiamo anche che è proprio grazie alla Rivoluzione Industriale che si è innescato l’aumento delle emissioni di CO2 – che ha portato al riscaldamento globale.

In vista di COP26, la conferenza internazionale sul clima che si è tenuta recentemente a Glasgow, i capolavori di questi artisti iconici sono stati reinventati per ispirare conversazioni su quali, tra le innovazioni scientifiche e tecnologiche attualmente disponibili, potrebbero aiutare a raggiungere l’obiettivo di ‘zero emissioni’ entro il 2050.

Rhys Morgan, Direttore di Ingegneria e Formazione presso la Royal Academy of Engineering, che ha commissionato il progetto, ha affermato: “L’obiettivo del Regno Unito di raggiungere emissioni nette di carbonio pari a zero entro il 2050 è un’impresa enorme. La decarbonizzazione su questa scala di tempi e dimensioni porterà cambiamenti diffusi e rapidi in ogni aspetto della vita quotidiana e il raggiungimento del nostro obiettivo di un futuro ‘ net zero’ non sarà raggiunto senza competenze ingegneristiche e scientifiche importanti. Dai modi in cui riscaldiamo, raffreddiamo e illuminiamo le nostre case, a come produciamo il nostro cibo, come costruiamo le nostre case e come ci spostiamo, la nostra vita quotidiana futura sarà modellata dagli ingegneri e dall’ingegneria di oggi.

“Questi famosi capolavori hanno originariamente catturato un’istantanea della vita quotidiana in un momento in cui non si conoscevano le conseguenze delle emissioni di carbonio. Re-immaginandoli per il 2050, speriamo di iniziare una conversazione su come gli ingegneri possono aiutare a plasmare il nostro futuro ‘net zero’ e ispirare la prossima generazione ad unirsi alle professioni scientifiche. Per sviluppare al meglio le tecnologie per la riduzione delle emissioni immaginate in queste opere d’arte, il Regno Unito ha bisogno di più ingegneri: ad esempio, il National Grid stima che il solo settore energetico del Regno Unito dovrà ricoprire 400.000 ruoli da qui al 2050 per raggiungere l’obiettivo ‘net zero’.

I capolavori re-immaginati (che sono anche su Google Arts&Culture)

La mostra Engineer the Future è stata visibile durante COP26 alla Strathclyde University di Glasgow e può essere visitata anche online, su Google Arts & Culture. L’obiettivo della mostra è quello di avviare una conversazione su come vogliamo che sia un futuro senza emissiioni e sul ruolo dei futuri ingegneri nel suo raggiungimento. I visitatori sono invitati a contribuire alla discussione, usando i social media.

Gli skyline fumosi di Van Gogh

Il primo pezzo della collezione presenta lo skyline di Clichy dipinto da Vincent Van Gogh. Il rendering digitale sostituisce le fabbriche di pietra con edifici dal tetto in vetro e torri più alte dei fumi visti nell’opera originale.

Vincent Van Gogh’s landscape of the factories in Clichy

Se Van Gogh dipingesse le fabbriche di Clichy nel 2050, il suo capolavoro potrebbe presentare “agbot” autonomi – robot agricoli – che si occupano dei raccolti utilizzando l’agricoltura di precisione; uno sviluppo che potrebbe aiutare a ridurre le emissioni di carbonio dell’agricoltura.

Droni e Agbot vagano per il campo di Clichy in una scena reinventata. Crediti: Royal Academy of Engineering

Il campo di grano di Constable

“Se Constable camminasse nella campagna britannica nel 2050, vedrebbe campi più piccoli con strisce di colture di diversi colori e campi meno produttivi ripiantati con alberi, fiori selvatici e arbusti per aumentare la biodiversità e l’impollinazione”, spiega Kit Franklin, un anziano docente di ingegneria agraria presso la Harper Adams University.

Constable, il Campo di Grano

Reimmaginato per il 2050, The Wheat Field include robot per la potatura a energia solare, macchine per il taglio dell’erba autonome e droni per il monitoraggio delle colture. Nel frattempo, nel cielo si possono vedere aerei a idrogeno ecologici, con forme futuristiche che massimizzano l’efficienza del carburante e l’autonomia di viaggio.

Constable, Il campo di grano, reinventato. Crediti: Royal Academy of Engineering

“La reinterpretazione artistica di Constable ha rimosso il duro lavoro fisico e i compiti ripetitivi dei braccianti agricoli mentre i robot autonomi assumono il lavoro che gli umani avrebbero tradizionalmente svolto. Gli agbot rendono l’agricoltura più precisa per conservare risorse vitali come acqua ed energia e in futuro vedremo macchine più piccole per aiutare a preservare la qualità e la salute del suolo”, afferma Franklin.

Il villaggio di pescatori high-tech di Monet

The Seashore at Sainte-Adresse di Claude Monet cattura il litorale della ricca città di Le Havre, in Normandia. Al momento della pittura, quest’area stava subendo una drammatica trasformazione da un tradizionale villaggio di pescatori a una città sviluppata che si vede nelle profondità dell’orizzonte con le fabbriche che soffiano fumo verso il suo cielo. La serie di dipinti di Monet da Sainte-Adresse rivela i contrasti di una rivoluzione industriale borghese che penalizza pesantemente la realtà operaia.

Monet, La spiaggia di Sainte-Adresse. Riconoscimenti: Wikimedia Commons

La professoressa Susan Gourvenec, RAEng Chair in Emerging Technologies for Intelligent & Resilient Ocean Engineering presso l’Università di Southampton, le cui idee sono state incorporate in un Monet reinventato, ha commentato: “Se Monet dovesse dipingere The Seashore a Sainte-Adresse nel 2050, il suo famoso il paesaggio marino potrebbe presentare fattorie energetiche offshore che generano energia rinnovabile attraverso turbine eoliche o energia dalle maree, che potrebbero essere utilizzate per alimentare le case o produrre idrogeno verde e per rifornire le navi da carico oceaniche offshore. Più vicino alla costa, potrebbero essere visibili piantagioni di alghe, che non solo catturerebbero il carbonio, ma fornirebbero anche protezione costiera e migliorerebbero l’ecosistema costiero e l’habitat per la fauna selvatica».

L’artista ha anche immaginato un edificio residenziale sulla costa che utilizza finestre termocromiche per aiutare a raffreddare la casa e generare energia solare, riducendo la sua impronta di carbonio e massimizzando l’efficienza.

Monet, Il mare a Sainte-Adresse, reinventato. Crediti: Royal Academy of Engineering

La Parigi biofila di Pissarro

Rue Saint-Honoré di Camille Pissarro cattura la famosa strada parigina alla fine del XIX secolo sotto una pioggia pomeridiana. La strada è trafficata, con carrozze che fiancheggiano gli edifici e gruppi di pedoni sparsi in mezzo.

Pissarro, La Rue Saint-Honoré. Crediti: Royal Academy of Engineering

La Rue Saint-Honoré di Pissarro è stata rielaborata per riflettere una visione del futuro in cui un hub centrale collega diversi sistemi di trasporto pubblico tra cui una monorotaia elettrica, una stazione di taxi verticale e stazioni della metropolitana. Il professor Chris Wise RDI FREng, socio fondatore di Expedition, afferma: “Se Pissarro dovesse recarsi a Parigi nel 2050, potrebbe trovare edifici progettati per sfruttare appieno il loro ambiente.

Nessun lato di un edificio sarebbe lo stesso: il lato esposto a sud è in ombra ed entrambi a est e le facciate ovest hanno schermi per catturare il sole del mattino e della sera. L’artista potrebbe anche trovare edifici camaleontici con una “pelle” che risponde alla luce del sole e all’ombra per la regolazione della temperatura.

Pissarro, che ha sofferto di un’infezione agli occhi e alla fine è diventato cieco, avrebbe trovato più facile muoversi in città con aree codificate a colori e strisce rumorose, nonché un sistema di monorotaia che elimina la necessità di un’auto. Troverebbe anche un paesaggio meno difficile. Poiché in futuro vediamo un aumento delle precipitazioni e delle inondazioni, le città avranno sostituito i marciapiedi in cemento con materiali e vegetazione più permeabili”.

 

Pissarro, La Rue Saint-Honoré reinventato. Crediti: Royal Academy of Engineering

 

L’intera serie può essere vista sul Museum of Engineering su Google Arts & Culture

 

fonte: Royal Academy of Engineering I Euronews

immagine di copertina: Ashly Lovett per la Royal Academy of Engineering I crediti: Royal Academy of Engineering


 

Maker Faire Rome – The European Edition, promossa dalla Camera di Commercio di Roma e organizzata dalla sua Azienda speciale Innova Camera, si impegna da ben otto edizioni a rendere l’innovazione accessibile e fruibile con l’obiettivo di non lasciare indietro nessuno offrendo contenuti e informazioni in un blog sempre aggiornato e ricco di opportunità per curiosi, maker, startup e aziende che vogliono arricchire le proprie conoscenze ed espandere il proprio business, in Italia e all’estero.

Seguici, iscriviti alla nostra newsletter:ti forniremo solo le informazioni giuste per approfondire i temi di tuo interesse