‘TRANSLATED’, STARTUP TECH ITALIANA, RIAVVIA LA CENTRALE ELETTRICA DEL PADRE DI EINSTEIN

‘TRANSLATED’, STARTUP TECH ITALIANA, RIAVVIA LA CENTRALE ELETTRICA DEL PADRE DI EINSTEIN per assicurarsi sostenibilità energetica

La scelta di recuperare la centrale idroelettrica del 1895 ribadisce un impegno per la sostenibilità cui  Translated è orientata da tempo e che rappresenta un modello per altre aziende tech

 

La startup tech italiana con sede a Roma ‘Translated’ ha recentemente annunciato che recupererà una centrale idroelettrica progettata dal padre di Albert Einstein nel 1895. L’impianto idroelettrico del 1895 tornerà quindi alla sua missione originale: alimentare l’innovazione. Produrrà abbastanza elettricità per servire le startup ospitate nel distretto dell’innovazione di Translated, Pi Campus, situato nella zona sud-ovest di Roma.

Tra 10 anni, l’IA sarà uno dei principali consumatori di elettricità. Già oggi, il mining di bitcoin in tutto il mondo divora più elettricità dei Paesi Bassi.

L’intelligenza artificiale sta inquinando l’ambiente con CO2 a un ritmo allarmante, e questo non ci piace. Sentiamo l’urgenza di cambiare la situazione, ed è per questo che abbiamo iniziato a pensare a fonti energetiche alternative”, ha affermato Marco Trombetti, CEO di Translated

Marco Trombetti, Translated CEO I photo: Translated

Negli ultimi anni, il consumo di energia di Translated legato alle attività di intelligenza artificiale è aumentato in modo esponenziale e ora rappresenta i due terzi del consumo totale dell’azienda. Sfortunatamente, addestrare modelli di traduzione per una sola lingua può produrre tanta CO2 quanto guidare un’auto per migliaia di chilometri“.

Per questo motivo abbiamo acquisito lo stabilimento sito a Sannazzaro de’ Burgondi (vicino a Pavia, nel nord Italia) e soprannominato “il Luciòn” (“la grande luce” in dialetto locale) per circa 800.000 euro. Nonostante siano necessari alcuni lavori di ristrutturazione, l’ex proprietario aveva già rinnovato le turbine originali Kaplan all’interno del mulino ad acqua — tra le prime in Europa utilizzate per produrre energia elettrica — e l’impianto è già attivo”, spiega Trombetti.

“Il Lucion”

L’impianto di Einstein padre, anche conosciuto in dialetto locale come ‘il Lucion’, fu utilizzato per illuminare le strade dei paesi vicini fino al 1934, quando la produzione di energia cessò di essere economicamente conveniente a causa della nazionalizzazione delle risorse energetiche. Negli anni successivi fornì energia meccanica a varie aziende fino alla dismissione definitiva nel 1967.

ph: Slidebean via Unsplash

Decenni dopo, l’imprenditore petrolifero locale Giampiero Savini lo scopriì durante una battuta di caccia. Quando l’Italia liberalizzò il mercato elettrico negli anni 2000, Savini riprese in mano l’impianto, ormai un guscio vuoto con il tetto crollato. Nel 2000, Gamma Tecnologie lo acquisì e fece un ottimo lavoro di restauro dell’edificio senza modifiche strutturali, ma non riuscì a portare a termine il suo progetto originale.

L’anno scorso, quando l’impianto stava finalmente per iniziare a produrre elettricità, il signor Savini è morto all’età di 85 anni per problemi cardiaci dopo che la sua famiglia non è riuscita a portarlo in ospedale a causa della pandemia di Covid-19. Poco dopo, la sua famiglia ha deciso di mettere in commercio l’impianto, ed è lì che Translated entra in scena. La startup tech romana l’ha acquistato lo scorso settembre per circa 800.000 euro e ora ne sta investendo altri 150.000 per completare i lavori e renderlo operativo.

Sotto la proprietà di Translated, il Luciòn tornerà finalmente alla sua missione originale: alimentare all’innovazione.

Sostenibilità: un valore radicato nel DNA di Translated

Il riuso e l’impegno complessivo alla sostenibilità sono radicati nel DNA di Translated. I fondatori – Marco Trombetti e Isabelle Andrieu – hanno iniziato già 15 anni fa a fare la propria parte, sostituendo le bottiglie di plastica con borracce e filtri per l’acqua, adottando asciugamani in tessuto e dotando le cucine degli uffici di stoviglie in ceramica.

“Abbiamo la responsabilità di ciò che consumiamo e produciamo: le aziende spendono da migliaia a oltre 100 milioni di dollari per le traduzioni ogni anno e siamo più che orgogliosi di poter fornire traduzioni a zero emissioni ai nostri clienti”, afferma Isabelle Andrieu, co-fondatrice di Translated.

ph: Translated

L’energia elettrica prodotta dall’impianto di recente acquisizione è più che sufficiente per coprire i consumi energetici di Translated per il presente e per il prossimo futuro, così come quello delle startup ospitate al Pi Campus, il distretto dell’innovazione che è cresciuto attorno al braccio di venture capital di Translated a Roma. Inoltre, rivendendo l’energia non utilizzata, Translated genererà ricavi che – a lungo termine – copriranno i costi di acquisizione. E la speranza è che questa iniziativa ispiri altre aziende a portare avanti l’energia idroelettrica per un’intelligenza artificiale pulita.

Translated: tecnologia e business per le persone

Translated è una società di traduzione che ha aperto la strada all’uso dell’intelligenza artificiale per aiutare i traduttori professionisti. È stata fondata nel 1999 dall’informatico Marco Trombetti e dalla linguista Isabelle Andrieu ed è da sempre focalizzata su una potente combinazione di creatività umana e intelligenza artificiale per realizzare traduzioni di qualità costante in velocità.

Oggi è una delle società di traduzione online di maggior successo al mondo, con 180.000 clienti, che offre traduzioni in 177 lingue in 40 aree di competenza. Translated è stata premiata in diverse occasioni, incluso l’importante TAUS (the Language Data Network) Innovation Contest. Nel 2015, la Commissione europea ha premiato Translated per MateCat, considerato uno dei migliori progetti di ricerca nel campo dell’intelligenza artificiale degli ultimi 7 anni. Nel 2017, il Financial Times ha indicato proprio translated come una delle aziende in più rapida crescita in Europa.

Translated cura le soluzioni di oggi e progetta quelle di domani. E’ leader nel modello ‘pay after use’ che ha introdotto, pioniera, nel settore delle traduzioni. 
Translated offre un servizio che aiuta ad accorciare le distanze e rendere il nostro pianeta un po’ più piccolo, e che è stato scelto già da big companies quali Uber e Airbnb.

La scelta di riqualificare questo impianti idroelettrico e di avviarsi verso un percorso off grid, le hanno meritato anche il plauso e un articolo del Wall Street Journal

fonti: Translated I WSJ

immagine di copertina: Daniel Gimble via Unsplash


 

Maker Faire Rome – The European Edition, promossa dalla Camera di Commercio di Roma e organizzata dalla sua Azienda speciale Innova Camera, si impegna da ben otto edizioni a rendere l’innovazione accessibile e fruibile con l’obiettivo di non lasciare indietro nessuno offrendo contenuti e informazioni in un blog sempre aggiornato e ricco di opportunità per curiosi, maker, startup e aziende che vogliono arricchire le proprie conoscenze ed espandere il proprio business, in Italia e all’estero.

Seguici, iscriviti alla nostra newsletter:ti forniremo solo le informazioni giuste per approfondire i temi di tuo interesse

MAKER FAIRE ROME 2021 PARTNER

Promosso e organizzato da

Con il supporto di

In collaborazione con

Con il patrocinio di

In partnership con

MAIN PARTNER

GOLD PARTNER

Silver partner

BRONZE PARTNER

MAIN MEDIA PARTNER

MAIN MEDIA PARTNER PRESS & DIGITAL

TECHNICAL MEDIA PARTNER

MEDIA PARTNER

CONTENT PARTNER

FOOD INNOVATION PARTNER

è organizzato indipendentemente ed opera sotto licenza di
Maker Media inc. È un evento

COSA È MAKER FAIRE

Maker Faire Rome è un evento che facilita e racconta l’innovazione tecnologica connettendo le persone e le idee. Una piattaforma in grado di coinvolgere gli appassionati di innovazione in percorsi di co-progettazione, apprendimento, formazione e matchmaking. La manifestazione vuole diffondere la cultura dell’Open Innovation consentendo al sistema produttivo di ricorrere a idee, soluzioni, strumenti e competenze tecnologiche che arrivano dall’esterno e dal basso, attraverso una connessione virtuosa tra innovatori, creativi, startup, aziende, studenti, università e istituti di ricerca. Maker Faire Rome è il luogo in cui i protagonisti dell’innovazione europea si incontrano, si confrontano, scoprono le novità e fanno affari.

© 2022 Maker Faire Rome - The European Edition
Innova Camera - Azienda Speciale della Camera di Commercio di Roma - P.IVA e C.F 10203811004 - www.innovacamera.it
Privacy policy