Le nostre città sono sempre più calde: un’antica tecnologia potrebbe rappresentare una soluzione

A Siviglia, una delle città più calde d’Europa, si sta utilizzando una tecnologia dell’antica Persia per raffreddare la città

 

Siviglia, capitale della regione dell’Andalusia, nel sud della Spagna, è una delle città più calde d’Europa, con temperature che in estate superano frequentemente i 40 gradi.

Le autorità locali da tempo cercano soluzioni alle complicazioni causate da un ulteriore aumento delle temperature per il riscaldamento globale. Fra queste c’è il recupero dei qanat, una tecnologia sviluppata nell’antica Persia oltre 1000 anni fa e che poi si è diffusa in altri paesi caratterizzati da un clima particolarmente secco.

I qanat persiani

I qanat persiani erano una serie di cunicoli verticali simili a pozzi, collegati da un canale sotterraneo in lieve pendenza. Il canale partiva abitualmente da una falda acquifera e permetteva di trasportare l’acqua a grandi distanze, sfruttando la forza di gravità, senza perderne una gran parte per l’evaporazione.

Questo principio è stato ripreso ed attualizzato dagli ingegneri che hanno sviluppato il progetto Cartuja Qanat di Siviglia: lo scopo non è più trasportare l’acqua, ma usarla per raffreddare una ampia porzione di un quartiere e forse, in futuro, della città. Il canale sotterraneo trasporterà acqua fredda, un sistema di feritoie verticali consentiranno all’aria fresca di arrivare in superficie, creando delle zone raffreddate in modo naturale.

credits: PCT Cartuja

Un esperimento iniziato con Expo 1992

Il progetto del comune di Siviglia, da cinque milioni di euro e finanziato per quattro dall’Unione Europea, riprende e migliora un esperimento già testato a Siviglia per l’Expo del 1992.

Rispetto ad allora, quando l’acqua era pompata e in parte raffreddata usando combustibili fossili, ora l’intero processo sarà alimentato da fonti rinnovabili. L’area su cui verrà realizzato sarà la stessa, rimasta poco utilizzata dopo la fine dell’Esposizione e ora destinata a diventare non solo un centro di aggregazione ma anche sede di alcune imprese.

Il nuovo test sarà realizzato nella zona della Cartuja, la fetta di terra compresa tra il fiume Guadalquivir e il canale della Cartuja, e sarà corredato non solo da nuovi qanat, ma anche da coperture per l’anfiteatro, protezioni dal sole, un sistema di acqua vaporizzata, nuovi alberi e un interramento di due metri della piazza centrale, per proteggerla dalle correnti di aria calda.

credits: PCT Cartuja

Secondo il progetto tutte queste misure porteranno a una riduzione delle temperature di 10 gradi e saranno efficaci fino a temperature esterne di 41 gradi.

Una soluzione potenzialmente scalabile

Per ora è una soluzione limitata a un paio di zone definite della città, e non può risolvere da sola i problemi climatici di Siviglia. Ma se i risultati saranno quelli promessi e i costi saranno sostenibili, l’amministrazione ha espresso l’intenzione di estendere in futuro la rete di moderni qanat anche in altre aree.

Di pari passo il Comune procede con un’altra serie di misure volte a ridurre le temperature, fra cui l’installazione di fontane pubbliche, la copertura di vie e piazze con tende solari, l’aumento del numero degli alberi (ne saranno piantati 5.000 l’anno) e l’uso di materiali per la costruzione in grado di riflettere i raggi solari.

credits: PCT Cartuja

fonti: Il Post I PCT Cartuja


 

Maker Faire Rome – The European Edition, promossa dalla Camera di Commercio di Roma, si impegna fin dalla sua prima edizione a rendere l’innovazione accessibile e fruibile, offrendo contenuti e informazioni in un blog sempre aggiornato e ricco di opportunità per curiosi, maker, Pmi e aziende che vogliono arricchire le proprie conoscenze ed espandere la propria attività, in Italia e all’estero.

Seguici, iscriviti alla nostra newsletter: ti forniremo solo le informazioni giuste per approfondire i temi di tuo interesse.