Tickets coming soon
An event powered by
Cerca
Close this search box.

Edilizia sostenibile e, soprattutto, per tutti grazie alle alghe

mattoni dalle alghe: zero impatto ambientale, altissimo impatto sociale

Realizzare materiali di costruzioni con elementi naturali non è una novità ma Sargablock promette di fare bene alle persone oltre che all’ambiente, grazie alle alghe

 

I Sargassum sono alghe, e sono anche un flagello per il turismo. Si tratta di alghe brune che si muovono in grandi banchi maleodoranti sul pelo dell’acqua e si depositano sulle spiagge in enormi quantità e costano una fortuna all’industria del turismo, soprattutto nella regione che si estende dai Caraibi all’Argentina.

Tra aprile e ottobre, si deposita su lunghi tratti di questo litorale e le regioni interessate da questo problema devono stanziare un ingente budget per la loro rimozione. Ogni anno.

Alghe Sacredit: ForTomorrow.org

Un giardiniere e imprenditore messicano è riuscito a vederci un’opportunità e sta recuperando quantità di queste alghe per produrre un materiale da costruzione sostenibile e conveniente. Si chiama Omar de Jesús Vazquez Sánchez ed è l’inventore del Sargablock, materiale da costruzione a base di alghe sargassum, che sta riscuotendo interesse ben oltre i confini del Messico, dove vive. 

Tutto è iniziato nel 2015 quando l’alga sargassum ha iniziato ad infestare le rive della Riviera Maya. Dove gli altri hanno visto un problema, il signor Vasquez Sanchez ha visto un’opportunità per trasformarlo in una soluzione sostenibile e mettendola al servizio delle persone che ne hanno più bisogno. 

Omar de Jesus Vasquez Sanchez davanti ad una abitazione realizzata con Sargablock I credit: ForTomorrow.org

Dapprima, ha iniziato a raccogliere alghe sargassum da utilizzare come fertilizzante per la sua attività, Blue-Green Nursery, e a venderle in piccole quantità ai suoi clienti con lo stesso scopo.

Nel frattempo, ha ottenuto i permessi per una raccolta più massiva e strutturata e, nel giro di un anno, ha assunto circa 300 famiglie per pulire le spiagge di hotel e resort locali. Considerato che l’alga, molto fibrosa, veniva già usata per la produzione di altri oggetti, come cesti o piatti intrecciati, ha pensato che avrebbe potuto trasformarla anche in mattoni da costruzione.

Ispirato dal ricordo della piccola casa di mattoni crudi – tipico materiale di costruzione delle popolazioni locali – della sua famiglia, ho sviluppato Sargablock, un mattone architettonico realizzato con l’alga sargassum che infesta le coste tra aprile e ottobre.

Come è fabbricato Sargablock

Sargablock è prodotto a partire da una miscela di 40% alghe sargassum e 60% altra materia organica. Per la produzione è stata adattata una macchina per mattoni in terra cruda. I componenti vengono fatti passare attraverso la macchina per essere lavorati, compressi e sagomati in blocchi.

Mattoni Sargablock I credit: ForTomorrow.org

Sargablock richiede un tempo di essiccazione piuttosto breve, circa quattro ore, al termine delle quali i mattoni sono pronti per l’uso. Attualmente, la macchina può produrre circa 1.000 mattoni al giorno.

Housing accessibile

Nello stato di Quintana Roo, dove vive, il signor Vasquez Sanchez ha cosi iniziato una ‘buona abitudine’ che ha già aiutato diverse persone nella costruzione della propria abitazione. Il Sargablock è infatti facile, a basso costo, e permette di costruire alloggi a prezzi accessibili in tutta la Riviera Maya e, quindi, alle persone, di vivere in case di proprietà, in autonomia e a lungo: una casa costruita con questo materiale, infatti, potrebbe durare fino a 120 anni.

Un’abitazione costruita con Sargablock I credit: ForTomorrow.org

Una prima fabbrica artigianale si trova a Mahahual, cittadina turistica dove opera un molo per le navi da crociera; molti posti di lavoro si stanno creando grazie a questo primo stabilimento. Le prime dieci abitazioni saranno donate a famiglie svantaggiate. La visione di Vasquez Sanches, infatti, va oltre la realizzazione di un profitto: gli piacerebbe vedere un paese in cui gli imprenditori locali creano attività fiorenti e sostenibili che restituiscono alle loro comunità.

Sostenibilità ‘a tutto tondo’

Una visione condivisa da molti, tanto che da Belize, Giamaica, Porto Rico, Repubblica Dominicana, Barbados, Malesia e Stati Uniti è già stato contattato per ricevere aiuto nel fare ciò che sta facendo. Il flagello dell’alga sargassum prosegue, tanto vale ribaltare il problema in opportunità, in perfetto spirito ‘maker’. Secondo Vasquez Sanchez, anche l’infestazione è un messaggio importante, è il modo nel quale la natura ci suggerisce di prestare maggiore attenzione ai nostri mari. “Il mare è molto saggio e ci sta dicendo qualcosa. Con la contaminazione che abbiamo creato in tanti anni ci dice di prenderci cura di ciò che abbiamo”, afferma Vasquez Sanchez.

fonti: Sebastien Poulin I forTomorrow.org

immagine di copertina: forTomorrow.org


 

Maker Faire Rome – The European Edition, promossa dalla Camera di Commercio di Roma, si impegna fin dalla sua prima edizione a rendere l’innovazione accessibile e fruibile, offrendo contenuti e informazioni in un blog sempre aggiornato e ricco di opportunità per curiosi, maker, PMI e aziende che vogliono arricchire le proprie conoscenze ed espandere la propria attività, in Italia e all’estero.

Le nostre Call sono aperte: se anche tu hai un progetto brillante, innovativo e inedito che vorresti presentare a #MFR2023 scopri la Call for Makers, la Call for Schools e la Call for Universities & Research Institutes. Scegli quella che fa per te e invia la tua proposta entro il 31 maggio: se sarai selezionatə , potrai presentarla al pubblico di Maker Faire Rome, dal 20 al 22 ottobre.