Espositori 2015


Sapienza University - OrtoMio

Il sistema OrtoMio permette la gestione intelligente di un qualsiasi impianto di irrigazione. Esso si presenta come un sistema modulare a basso costo e alimentato ad energia solare, semplice da installare e programmare, espandibile all’occorrenza. OrtoMio permette periodicamente, autonomamente ed in maniera intelligente "quando e quanto" irrigare le colture sulla base del monitoraggio di numerosi parametri ambientali e fisici relativi al proprio raccolto. Il sistema prevede la possibilità di gestione in loco e remota, mediante sms inviati da un telefono cellulare registrato sulla piattaforma di elaborazione, oppure mediante pagina web. La versione che presentiamo prevede l’attuazione di 4 elettrovalvole che possono controllare il flusso d’acqua in uscita da uno o più rami del sistema di irrigazione. Tutti i parametri del sistema sono monitorati grazie ad una rete di sensori distribuiti nell’orto, il quale include:
• Sensore di livello dell’acqua della cisterna di irrigazione
• Rete di sensori per il monitoraggio puntuale dell’umidità ambientale
• Sensore capacitivo per il monitoraggio della presenza di pioggia
• Sensore di temperatura ambientale
• Sensore di intensità del vento
• Webcam per il controllo visivo dell’orto

I sensori sopraelencati appartengono alla versione base di OrtoMio. Essi sono a basso costo e sono costruiti con materiali semplicemente reperibili sul mercato a Nella versione estesa è prevista la presenza di un pluviometro che monitora la quantità di pioggia caduta, di un sensore di umidità distribuito e di un modulo che permette l’accesso tramite una connessione wireless. L’intero sistema è completamente autosufficiente in termini di alimentazione in quanto fa uso di un pannello solare da 10W che carica, durante la propria esposizione alla luce, una batteria da 12V. Quest’ultima permette al sistema di essere auto-sostenuto in quanto sopperisce all’assenza di luce durante la notte. L’unità di elaborazione del sistema è una Raspberry Pi 2 la quale fornisce all’utente i diversi servizi grazie alla versatilità di configurazione ed all’elevato numero di periferiche ad essa collegate. La configurazione di tale scheda avviene da riga di comando del sistema operativo Linux mediante una apposita interfaccia grafica “user-friendly”. I servizi di controllo remoto sono forniti da una internet key appositamente collegata con la Raspberry. Essa permette sia la ricezione degli sms che la connessione ad internet, indispensabile ad esempio, per il controllo delle immagini della webcam. Oltre a questi servizi, l’utente ha la possibilità di registrarsi al sito www.makeorto.com all’interno del quale potrà analizzare e salvare i parametri misurati dai vari sensori nonché visualizzare le immagini salvate dalla webcam.
Nonostante il sistema sia di tipo low-power, è stato implementato un modulo di controllo dei consumi che permette all’utente di monitorare la potenza assorbita dal pannello e dai diversi moduli. I vantaggi che apporta tale sistema sono sicuramente relativi alla modularità, la quale permette lo sviluppo indipendente dei vari elementi che lo compongono senza perdita di tutte le altre funzioni. Un altro dei grandi vantaggi che presenta OrtoMio è relativo ad i sensori precedentemente elencati. Essi sono costruiti con materiali elettrici a basso costo e risultano molto competitivi con quelli già presenti sul mercato. Altro aspetto fondamentale è la autonomia energetica resa possibile dall’uso del pannello fotovoltaico il quale permette, inoltre, di evitare qualsiasi forma di connessione alla rete elettrica. Tutte le caratteristiche sopra elencate conferiscono ad OrtoMio i connotati di un vero e proprio sistema domotico a basso costo dalle molteplici funzionalità.
Italy


Sapienza University - OrtoMio

Nicola Lovecchio, Luca Martini, Marco Nardecchia, Antonio Mastrandrea, Matteo Carpentiero

Il team che presenta questo progetto è composto da cinque ingegneri elettronici che svolgono la loro attività presso il dipartimento di Ingegneria Elettronica e Telecomunicazioni in qualità di assegnisti di ricerca e dottorandi. La loro collaborazione nasce in occasione di diversi progetti svolti come consulenti per la ONG "Liter of Light". Durante queste attività è stato possibile creare un team di lavoro efficace e produttivo che ha portato il marchio Sapienza all’EXPO di Milano, in particolare all’interno del Biodiversity Park. In quella occasione, il team ha potuto sperimentare la convergenza delle diverse competenze e capacità possedute da ciascun membro. A partire da semplici specifiche si è potuto realizzare da zero un intero sistema programmabile a basso costo ed auto-alimentato svariando nei diversi campi dell’elettronica quali la progettazione, lo sviluppo, la realizzazione, la programmazione ed il testing del suddetto sistema.


  Padiglione Sapienza - Sapienza University of Rome
 2015

Back
 
Dati aggiornati il 29/09/2021 - 00.00.10