L’AFRICA HA BISOGNO DI RISPOSTE INTEGRATE CHE COSTRUISCONO SULLE FORZE E SULLE RISORSE ESISTENTI DEI PAESI

Una soluzione pensata per il Kenya, basata su giovani, tecnologia e sanitari potrebbe diventare l’approccio per l’intera Africa, in futuro.

 

a cura di WEF e The European Sting

I rapporti più recenti sulla risposta ali COVID-19 in Africa si sono concentrati sulle sfide che il continente deve affrontare a causa dei suoi fragili sistemi sanitari e della mancanza di capacità di assistenza in situazioni critiche. Nell’ultimo mese, il numero di casi COVID-19 in Africa è aumentato del 43%. Secondo i Centri africani per il controllo e la prevenzione delle malattie (Africa CDC), 53 Stati membri dell’Unione Africana hanno riportato 54.027 casi e 2.074 morti; in Kenya, al 7 maggio, il numero totale di casi segnalati era 607 e 29 persone avevano perso la vita.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) prevede che da 29 a 44 milioni di persone saranno infettate dal COVID-19 se le misure di contenimento nell’Africa sub sahariana dovessero fallire. Di questi, fino a 167.000 richiederebbero di essere trattati con ossigeno; da 52.000 a 107.000 richiederebbero supporto respiratorio; e fino a 190.000 persone potrebbero morire in 47 paesi.

Questi risultati evidenziano la necessità di sviluppare e implementare soluzioni integrate basate su punti di forza già presenti nei sistemi sanitari e nelle società dell’Africa sub-sahariana oggi; soluzioni che arresteranno rapidamente la diffusione di COVID-19, consentiranno un rientro sicuro nelle attività economiche e manterranno costante la diagnosi precoce e la gestione di nuovi casi in caso di ondate multiple di infezione.

 

Word Economic Forum
ph: World Economic Forum

 

Di conseguenza, uno  studio di The European Sting e WEF propone un intervento integrato che enfatizza e collega i punti di forza esistenti nella società e nel sistema sanitario kenioti – tra cui l’assistenza sanitaria basata sulla comunità, i giovani e un vivace settore delle tecnologie dell’informazione – per migliorare il rilevamento dei casi COVID-19, l’isolamento e la gestione del contagio nel Kenya occidentale.

L’assistenza sanitaria di comunità è stata adottata dal governo del Kenya per fornire servizi sanitari essenziali già dal 2007.

È pienamente supportata e finanziata dal Ministero della Salute del Kenya. I volontari sanitari della comunità sono la spina dorsale dell’assistenza sanitaria basata sulle comunità. In genere, sono membri della comunità più anziani e rispettati che si offrono volontari e si impegnano a garantire che ogni famiglia nella propria comunità abbia accesso ai servizi sanitari di base. I volontari sanitari della comunità sono autonomi e altruisti e spesso si destreggiano anche in altre responsabilità. Storicamente, gli operatori sanitari della comunità hanno lavorato con strumenti cartacei per eseguire visite domestiche di routine. Gli strumenti digitali non sono comuni in questa linea di lavoro e le competenze digitali tra gli operatori sanitari della comunità sono estremamente eterogenee.

 

  • La saggezza della giovinezza

 

I giovani di talento ed esperti di tecnologia costituiscono una percentuale significativa della popolazione keniota. L’età media in Kenya è di 20 anni. Per i giovani di oggi, le opportunità di lavoro sono basse e probabilmente sono state peggiorate dalle recenti misure di contenimento adottate control il virus; le stime sulla disoccupazione giovanile variano tra il 7% e il 35%.

Dei 100 giovani intervistati, circa il 50% sono giovani donne, mentre il 98% ha conseguito lauree o laurea in economia, medicina, scienze ambientali, sanità pubblica, informatica o sociologia. Avevano molte idee su come affrontare la pandemia, tra cui:

  • lo sviluppo di un’applicazione che avrebbe inviato messaggi automatici al pubblico per ricordare loro l’igiene delle mani,
  • indossare maschere e mantenere le distanze sociali;
  • offrire servizi di consulenza alle persone colpite da COVID-19;
  • offrire assistenza domiciliare insieme a collegamenti immediati con il trattamento e il follow-up

 

Le loro idee attualmente non hanno una piattaforma e devono ancora essere prese in considerazione nell’attuale risposta nazionale e regionale. Come per molte sfide sanitarie, le soluzioni sono spesso lasciate a esperti locali e di fama internazionale – un processo un po ‘esclusivo che lascia indietro sia le persone più colpite che quelle in prima linea.

Questa pandemia è un’opportunità per mettere in discussione e cambiare questo status quo per un maggiore impatto – e la nostra soluzione lo fa mettendo i giovani e gli operatori sanitari della comunità in primo piano.

 

L’attuale risposta alla pandemia in Africa dovrebbe attingere ai giovani che sono pieni di idee innovative che potrebbero sconvolgere il pensiero tradizionale e le modalità per affrontare le malattie.

I giovani dovrebbero avere una piattaforma per esprimersi, risolvere i problemi e aiutare negli sforzi di attuazione. Dovrebbero essere inclusi nel dialogo con gli specialisti della sanità pubblica e i responsabili politici e dovrebbe avere l’opportunità di contribuire. Includere i giovani porterà a una soluzione più sostenibile e a lungo termine per le pandemie attuali e future. I giovani di oggi possono agire da custodi della risposta alla pandemia per ricordare alle generazioni future le lezioni apprese, le insidie ​​e il modo migliore per andare avanti.

 

Casi confermati COVID-19 in Africa per paese, a partire dal 19 maggio. Fonte: OMS.
Casi confermati COVID-19 in Africa per paese, a partire dal 19 maggio. Fonte: OMS.

 

Allo stesso modo, i volontari sanitari della comunità spesso non sono inclusi nel processo decisionale e nella definizione delle sfide sanitarie.

Il WEF è attualmente impegnato con 397 volontari che accolgono con favore la collaborazione con i giovani, l’introduzione di strumenti di indagine digitale sulle famiglie e il contributo al processo decisionale:

  • desiderano migliorare le proprie competenze digitali per migliorare la propria efficacia nello screening, nell’isolamento, nel test e nella gestione di potenziali casi COVID-19 a livello di comunità
  • riconoscono l’importanza di mantenere i servizi sanitari essenziali, un compito che hanno svolto instancabilmente per molti anni
  • sono ansiosi di includere la tecnologia per accelerare il processo delle prove generate dalla comunità che raggiungono i responsabili politici e i responsabili delle decisioni
  • si impegnano a mantenere il loro ruolo di custode dei loro fratelli – un attributo chiave della società africana che dà al continente un vantaggio nel navigare la pandemia e adattarsi alla nuova realtà che ci prepariamo ad affrontare.

Nelle prossime settimane, e in collaborazione con il Ministero della Sanità del Kenya, ogni famiglia nella contea di Siaya, nel Kenya occidentale, sarà sottoposta a screening per COVID-19. Coloro che risultano positivi saranno isolati.  Allo stesso tempo, e in collaborazione con i colleghi che lavorano negli attuali epicentri globali, gli operatori sanitari  saranno formati a curare le forme gravi di COVID-19, adottando le prime lezioni dall’Asia, dall’Europa e dagli Stati Uniti e adattando queste lezioni al contesto e alle risorse locali.

Questa risposta COVID-19 integrata nel Kenya occidentale cambierà lo status quo e darà la priorità a un approccio dal basso verso l’alto in termini di erogazione di assistenza sanitaria, preparazione alla pandemia, risposta e recupero. Questo intervento integrato e’ potenzialmente scalabile in altre parti dell’Africa sub-sahariana in cui è stata istituita un’assistenza sanitaria basata sulla comunità e in cui i giovani rappresentano una percentuale significativa della popolazione.


Maker Faire Rome The European Edition si impegna da ben otto edizioni a rendere l’innovazione accessibile e fruibile con l’obiettivo di non lasciare indietro nessuno offrendo contenuti e informazioni in un blog sempre aggiornato e ricco di opportunità per curiosi, maker, startup e aziende che vogliono arricchire le proprie conoscenze ed espandere il proprio business, in Italia e all’estero.

Seguici, iscriviti alla nostra newsletter: ti forniremo solo le informazione giuste per approfondire i temi di tuo interesse.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Maker Faire Rome 2020 Partner

Promosso e organizzato da

MAIN PARTNER

GOLD PARTNER

© 2020 Maker Faire Rome - The European Edition
Innova Camera - Azienda Speciale della Camera di Commercio di Roma - P.IVA e C.F 10203811004 - www.innovacamera.it
Privacy policy