Il primo sciacquone è descritto nel 1596 da un figloccio della Regina Elisabetta I 

Il bagno moderno ha influenzato antiche pratiche igienico-sanitarie, la politica elisabettiana e il know-how della rivoluzione industriale

 

Il bagno moderno come lo conosciamo sembra essere scontato. Eppure, quella dello sciacquone è un’invenzione più importante di quanto non sembri.

Le latrine primitive, che utilizzavano un flusso d’acqua costante per portare via i rifiuti, risalgono ad almeno 5.000 anni e i primi sistemi di servizi igienici erano in uso in diverse civiltà antiche, inclusi i romani ( si pensi ai Vespasiani), i Mohenjo-Dara e gli Harappa della valle dell’Indo.

 

Ostia Antica , antico vespasiano I photo: Stefano Bolognini 

Il primo wc moderno con sciacquone fu descritto nel 1596 da Sir John Harington, un cortigiano inglese e figlioccio della regina Elisabetta I.

Il dispositivo di Harington richiedeva una ciotola ovale profonda 60 cm impermeabilizzata con pece, resina e cera e alimentata dall’acqua di un cisterna al piano superiore. Il vaso di lavaggio di Harington richiedeva 7,5 galloni d’acqua, un vero e proprio torrente nell’era prima dell’impianto idraulico interno. Harington notò che quando l’acqua scarseggiava, fino a 20 persone potevano usare comunque il dispositivo tra un lavaggio e l’altro.

photo: ItsYourTurn Blog

 

Nel 1775 l’inventore inglese Alexander Cumming ottenne il primo brevetto per uno sciacquone. La sua più grande innovazione è stata il tubo a forma di S sotto la tazza che utilizzava l’acqua per creare un sigillo che impediva al gas di fogna di entrare attraverso il water.

photo: Wikipedia

Alla fine del XIX secolo, un impresario idraulico londinese di nome Thomas Crapper produsse una delle prime linee di sciacquone di grande successo. Crapper non ha inventato la toilette, ma ha sviluppato il rubinetto a sfera, un meccanismo di riempimento del serbatoio migliorato ancora utilizzato nei bagni di oggi.

Il nome di Crapper sarebbe diventato sinonimo dei dispositivi che vendeva (sebbene la parola inglese “crap” lo preceda di secoli), grazie in parte ai militari americani di stanza all’estero durante la prima guerra mondiale. ai servizi igienici come “crappers” – a causa dell’ubiquità del marchio Crapper in Inghilterra e Francia – e hanno portato il termine a casa con loro dopo la guerra.

Tutt’oggi, il marchio Thomas Crapper è leader di mercato nella produzione di sanitari e accessori.

Per chi non fosse ancora convinto dell’importanza radicale di questa invenzione, suggeriamo la lettura di altro nostro recente articolo!

foto di copertina: Bekky Bekks via Unsplash


 

Maker Faire Rome – The European Edition, promossa dalla Camera di Commercio di Roma e organizzata dalla sua Azienda speciale Innova Camera, si impegna da ben otto edizioni a rendere l’innovazione accessibile e fruibile con l’obiettivo di non lasciare indietro nessuno offrendo contenuti e informazioni in un blog sempre aggiornato e ricco di opportunità per curiosi, maker, startup e aziende che vogliono arricchire le proprie conoscenze ed espandere il proprio business, in Italia e all’estero.

Seguici, iscriviti alla nostra newsletter: ti forniremo solo le informazioni giuste per approfondire i temi di tuo interesse

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

MAKER FAIRE ROME 2021 PARTNER

Promosso e organizzato da

Con il supporto di

In collaborazione con

Con il patrocinio di

In partnership con

MAIN PARTNER

GOLD PARTNER

Silver partner

BRONZE PARTNER

MAIN MEDIA PARTNER

MAIN MEDIA PARTNER PRESS & DIGITAL

TECHNICAL MEDIA PARTNER

MEDIA PARTNER

CONTENT PARTNER

FOOD INNOVATION PARTNER

è organizzato indipendentemente ed opera sotto licenza di
Maker Media inc. È un evento

COSA È MAKER FAIRE

È la più importante manifestazione sull’innovazione. Un evento ricco di invenzioni e creatività, che celebra la cultura del “fai da te” in ambito tecnologico. È il luogo dove maker, imprese e appassionati di ogni età e background si incontrano per presentare i propri progetti e condividere le proprie conoscenze e scoperte. Riunisce gli appassionati di tecnologia, gli artigiani digitali, le scuole, le università, gli educatori, gli hobbisti, i centri di ricerca, gli artisti, gli studenti e le imprese. Tutti vengono a mostrare le loro creazioni e condividere le loro conoscenze. I visitatori vengono a Maker Faire per “ intravedere” il futuro e trovare l’ispirazione per diventare essi stessi “Makers”.

© 2021 Maker Faire Rome - The European Edition
Innova Camera - Azienda Speciale della Camera di Commercio di Roma - P.IVA e C.F 10203811004 - www.innovacamera.it
Privacy policy