La pandemia sta accelerando la diffusione delle tecnologie digitali 

Norme e standard internazionali devono essere urgentemente aggiornati

Adattamento da un articolo di Project Syndacate

Ora che la pandemia COVID-19 sta accelerando la diffusione delle tecnologie digitali, le norme internazionali e gli standard che regolano i dati devono essere urgentemente aggiornati. Più il processo decisionale rimane a livello nazionale, minori saranno i benefici che la Quarta Rivoluzione Industriale produrrà.

Tech at Covid-19 times

Pandemia, digitalizzazione e accelerazione della quarta rivoluzione industriale (4IR) stanno guidando un cambiamento nella governance globale. Poiché i leader mondiali dell’innovazione tech-based assumono sempre più frequentemente anche un ruolo di leader geopolitici, la competizione per il dominio in settori all’avanguardia come l’intelligenza artificiale si sta, naturalmente, intensificando. La corsa alla tecnologia 4IR sarà il fattore principale che influenzerà gli accordi economici e politici globali nel futuro post-pandemico.

I grandi player

Sebbene gli Stati Uniti rimangano la principale potenza nel settore dell’Intelligenza Artificiale, sono seguiti da vicino dalla Cina e poi da altri player importanti, come la Russia. Da parte sua, la Cina ha già investito circa 300 miliardi di dollari nel settore (inclusi chip e auto elettriche), ha adottato una strategia di innovazione nazionale (“Made in China 2025”) e ha consentito l’ascesa di giganti tecnologici pionieristici come Baidu, Alibaba, e Tencent.

Ma sebbene la Cina abbia un enorme potenziale per lo sviluppo dell’AI, ha anche molto lavoro da fare prima di superare gli Stati Uniti. Gli studi dimostrano che la Cina è ancora in ritardo su tre fronti chiave: hardware, ricerca e settore commerciale.

Lo scenario in Europa e nel resto del mondo

Oltre agli Stati Uniti e alla Cina, anche i paesi europei e asiatici stanno perseguendo l’innovazione 4IR. Il Regno Unito, ad esempio, è nel primo quartile dei paesi in termini di preparazione all’IA, grazie alle sue università di ricerca di alto livello e ai generosi finanziamenti pubblici per la ricerca. Allo stesso modo, molti paesi asiatici hanno dimostrato un evidente vantaggio in termini di diffusione tecnologica e densità di robot. Con 774 robot ogni 10.000 lavoratori, la Corea del Sud è molto più avanti rispetto alla maggior parte degli altri paesi; e il Giappone, con la sua industria automobilistica già dominante, ha iniziato a imporsi come leader nei veicoli autonomi.

Il ruolo delle tecnologie 4IR durante la pandemia

In questo contesto, la pandemia COVID-19 ha accelerato le tendenze verso la digitalizzazione, con una serie di tecnologie 4IR adottate per tracciare, tracciare, prevedere, diagnosticare e contenere il virus, oltre a consentire il lavoro a distanza, l’e-commerce e altro cambiamenti comportamentali.

In effetti, è stata una piattaforma di intelligenza artificiale a individuare per prima i segni di un’epidemia virale più di una settimana prima dell’annuncio ufficiale dell’Organizzazione mondiale della sanità. Da allora, l’intelligenza artificiale e l’apprendimento automatico sono stati utilizzati per tracciare e anticipare l’evoluzione della pandemia, identificare i pazienti ad alto rischio e ottimizzare l’utilizzo delle risorse. Inoltre, gli studiosi stanno utilizzando l’intelligenza artificiale per rilevare nuovi focolai di COVID-19 e per guidare la ricerca di trattamenti efficaci o di un vaccino.

Il bisogno di nuove regole e standard

Questo lavoro indica la necessità di maggiore chiarezza normativa a livello globale. Per evitare il “nazionalismo vaccinale” a somma zero, abbiamo bisogno di processi migliori per la condivisione transfrontaliera di dati e soluzioni tecnologiche, in modo che nessuno venga lasciato indietro. Il recente dinamismo nell’assistenza sanitaria è emblematico della geopolitica 4IR più in generale. Dall’inizio della crisi COVID-19 è stata dedicata molta attenzione all’escalation della rivalità sino-americana. Meno notata è l’opportunità per i paesi in via di sviluppo di utilizzare la crisi come impulso per espandere la propria adozione delle tecnologie 4IR.

Ed Tech Africa
ph. IT News Africa

Tech for good

In Africa, ad esempio, è stata implementata una piattaforma SMS basata sull’intelligenza artificiale per fornire contenuti educativi ai bambini non scolastici che non hanno accesso a Internet, smartphone o persino libri di testo. Tali innovazioni diventeranno ancora più importanti man mano che le scuole resteranno chiuse. Allo stesso modo, dettaglianti e consumatori fanno sempre più affidamento sull’e-commerce e sul denaro mobile per mantenere le distanze sociali e preservare le catene di approvvigionamento. E in agricoltura, sempre più agricoltori utilizzano le informazioni provenienti da piattaforme di big data, potenziate dall’Internet of Things, per guidare il loro processo decisionale. Ma sfruttare appieno queste opportunità richiederà un maggiore coordinamento tra i settori pubblico e privato e con le istituzioni multilaterali. Per sua stessa natura, la competizione 4IR induce i paesi a usare il loro potere economico per plasmare gli standard internazionali.

Scenari e indirizzi

In un’era guidata dai dati, il modo in cui i governi leader definiscono i loro approcci alla regolamentazione, comprese le questioni chiave come la privacy individuale, influenzerà l’intero ordine economico globale negli anni a venire. Questa dinamica è già evidente nel modo in cui diversi paesi hanno gestito l’uso del riconoscimento facciale guidato dall’IA e degli strumenti di tracciamento dei contatti digitali durante la pandemia. In Corea del Sud e Cina, queste tecnologie sono state ampiamente adottate all’inizio e si sono (finora) dimostrate efficaci nel limitare la diffusione del virus, ma indiscutibilmente a scapito della privacy individuale.

Al contrario, gli Stati Uniti non sono stati in grado di fare affidamento su questi strumenti, in parte perché devono ancora adottare regole e standard chiari per la privacy dei consumatori, la sicurezza dei dati e la proprietà digitale nella 4IR. Sebbene alcuni stati degli Stati Uniti abbiano proposto vari quadri normativi, la mancanza di un sistema nazionale rimane uno dei maggiori ostacoli alla capitalizzazione del potenziale dell’IA e dei big data.

La competizione tra gli Stati Uniti e la Cina ha spinto la sicurezza nazionale e le priorità commerciali in cima all’agenda, trasformando le questioni di governance di base in questioni geopolitiche molto più ampie. Ma un’industria tecnologica globale non può essere governata in modo efficace in assenza di un consenso globale. Semplicemente non esiste una strategia nazionalista – per non parlare di isolazionismo – efficace per regolamentare la privacy dei dati.

Come abbiamo visto con il regolamento generale sulla protezione dei dati dell’UE (GDPR), la mancanza di coordinamento tra le autorità a livello nazionale ha portato a un’attuazione profondamente imperfetta e inefficiente, prevenendo indagini su potenziali violazioni, erodendo la concorrenza e minando la fiducia dei consumatori e delle imprese. La crisi COVID-19 è un’opportunità storica per definire il futuro della cooperazione internazionale.

La questione di come regolamentare e utilizzare le nuove tecnologie non sarà limitata a nessun settore o paese. I vantaggi della cooperazione nella 4IR – a partire dalla collaborazione per lo sviluppo e la distribuzione di un vaccino – potrebbero essere di vasta portata. Ma per accoglierli sarà necessaria una ricerca ampia, e senza malizie, di un terreno comune.

 

Leggi l’articolo originale di Project Syndacate qui


 Maker Faire Rome The European Edition si impegna da ben otto edizioni a rendere l’innovazione accessibile e fruibile con l’obiettivo di non lasciare indietro nessuno offrendo contenuti e informazioni in un blog sempre aggiornato e ricco di opportunità per curiosi, maker, startup e aziende che vogliono arricchire le proprie conoscenze ed espandere il proprio business, in Italia e all’estero.

Seguici, iscriviti alla nostra newsletter: ti forniremo solo le informazioni giuste per approfondire i temi di tuo interesse.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Maker Faire Rome 2020 Partner

Promosso e organizzato da

Con il supporto di

In collaborazione con

Con il patrocinio di

In partnership con

MAIN PARTNER

GOLD PARTNER

BRONZE PARTNER

MAIN MEDIA PARTNER

MAIN MEDIA PARTNER PRESS & DIGITAL

MEDIA PARTNER

CONTENT PARTNER

FOOD TECHNICAL PARTNER

© 2021 Maker Faire Rome - The European Edition
Innova Camera - Azienda Speciale della Camera di Commercio di Roma - P.IVA e C.F 10203811004 - www.innovacamera.it
Privacy policy